ZOOM
 
Anno 2005
Manutenzione dei mulinelli
Emanuele Velardita da Caltanissetta





Dieci minuti persi dopo ogni pescata,equivalgono a 1 anno di durata in più per la nostra cara,e non solo in senso affettivo,attrezzatura. questo vale non solo per le canne,la buffetteria,ecc...ma soprattutto per i mulinelli,che,se adeguatamente trattati durano e resistono tantissimi anni, prima di essere sostituiti più per piacere che per reale necessità.
Sostanzialmente possiamo dividere la manutenzione dei fissi in due categorie: la manutenzione ordinaria,dopo ogni pescata,e la manutenzione straordinaria,da fare attentamente in maniera periodica.
Analizziamole con cura.


MANUTENZIONE ORDINARIA:
E' quella che facciamo alla fine di ogni pescata,e alla quale dobbiamo sia la durata del filo in bobina e delle condizioni estetiche generali, che il corretto funzionamento di alcuni meccanismi esterni molto sollecitati
durante la battuta(come il rollino scorrifilo e la molla di tenuta dell'archetto). Riguardo al filo,è oramai consuetudine giunti a casa immergere le bobine nell'acqua dolce per ore, nella speranza che l'acqua sciolga il sale dal filo.Speranza che si rivela vana,perchè l'acqua dolce difficilmente riesce a penetrare in fondo e, seppure ci riuscisse a farlo non pulirebbe nulla stagnando negli interstizi.
Per questo motivo ho adottato un altro sistema, prendendolo in prestito dai collegi d'acqua dolce(che lo usano per garantirsi sempre l'affondabilità del filo per la pesca all'inglese); in pratica, finita la pescata, prima di smontare tutto faccio un ultimo lunghissimo lancio solo col piombo(cercando di fare uscire anche filo nuovo),dopo il quale incominciò un lento recupero serrando il filo con una spugnetta imbevuta di detergente al silicone(oppure
detergente per piatti,in questo caso poi a casa con tranquillità provvederemo a inumidire il filo con dell'olio di vasellina). In questo modo ottengo sia un'ottima e reale pulizia del filo in bobina,sia una corretta disposizione
delle spire nel recupero(con il rimessaggio di eventuali spire ribelli,o fuori fuso).
Riguardo al corpo,una volta giunti a casa,lo puliamo con un pannoasciuga inumidito con acqua e il solito detersivo per piatti. Evitiamo la solita doccia di acqua sotto il rubinetto;questo perchè,non essendo il mulinello a tenuta
stagna, l'acqua si insidia al suo interno,si emulsiona con la lubrificazione degli ingranaggi e crea quel particolare grasso nero(la murga)che non ha poteri lubrificanti e che serve solo a macchiare le mani,il filo e il mulinello
stesso. Riguardo al rollino e alla molla,basta aprire le sedi,oliare il rollino con la vasellina(dopo averlo eventualmente pulito da possibili sporcizie sedimentate)e pulire la sede della molla con un getto di aria compressa
e successivo velo di lubrificante.


MANUTENZIONE STRAORDINARIA:
E' quella che facciamo periodicamente e da cui dipende la durata della parte meccanica del mulinello(ingranaggi,cuscinetti,leveraggi,ecc....).
L'avverbio"periodicamente" non vuole indicare un periodo di tempo prefissato,ma che si deve effettuare quando necessita,ovvero quando il mulinello incomincia a dare sintomi di cattivo funzionamento(troppa velocità/poca fluidità rispetto alla norma,bloccaggi improvvisi,rumori inaspettati,fuoriuscita di murga dall'asse verticale ecc..)oppure quando ci cade in acqua o sulla sabbia.
Va effettuata con molta tranquillità e oculatezza,ricordandoci che le rondelle sono necessarie al corretto funzionamento e alla gestione delle tolleranze e dell'imbobbinamento,e che hanno funzione solo se montate correttamente e nelle rispettive sedi;Un buon sistema per rimontare tutto correttamente è quello di disegnare di proprio pugno un piccolo esploso (più semplice di quello stampato nel libretto del mulinello),in cui descrivere e numerare i pezzi smontati e a loro volta numerati con un pennarello. Una volta smontato il tutto,bisogna pulire accuratamente sia gli ingranaggi che la loro sedi ed i carter. Per gli ingranaggi, possiamo spazzolarli con uno spazzolino imbevuto di solvente(petrolio bianco,nitro,benzina normale)evitiamo la nafta,perchè contiene olio e difficilmente ci da un metro della reale pulizia ottenuta. Per l'interno delle sedi e dei carter,useremo invece un sapone sgrassante molto forte,aria compressa fino a che tutto non ritorni pulito e liscio.
Una volta pulito e asciugato il tutto,passeremo alla lubrificazione della macchina da effettuare con oli ad alta densità,evitando l'uso di grassi(per via della loro capacità legante con la sabbia), consapevoli che comunque dovremo ripetere l'operazione con maggior frequenza,a causa della veloce perdita degli oli utilizzati(che per forza centrifuga schizzano verso le pareti). Non è detto che non si possa usare il grasso,ma questi,può aumentare le
possibilità di rotture dovute all'erosione della sabbia,a meno di non "tropicalizzare" il mulinello(vedi capitolo apposito).
Una volta completata la lubrificazione(da effettuare sempre con parsimonia,senza abbondare) possiamo chiudere il nostro fisso ricordandoci che le viti di chiusura non vanno serrate al massimo ma pretensionate al meglio(come
accade per le testate delle automobili),per evitare sia di comprimere gli ingranaggi interni(deviandone la dinamicità),sia per evitare di spannare le filettature sullo cassa.


TROPICALIZZAZIONE:
E' un processo che trova largo uso riguardo a quelle apparecchiature elettroniche o meccaniche(macchine e obiettivi fotografici,vidoecamere,orologi,ecc..) che devono operare in condizioni estreme(alto tasso di umidità,sbalzi termici notevoli,sabbia e polvere in sospensione,ecc..ecc...)che ne potrebbero compromettere
l'uso in pochissimo tempo.
E' ovvio che in questo caso parliamo di qualcosa di molto più semplice e meno professionale,ma comunque il termine rende bene il concetto,ovvero: rendere il nostro mulinello il più possibile protetto dall'esterno.
quello che ci serve per raggiungere lo scopo lo troviamo facilmente in qualsiasi negozio di ricambistica,essendo rappresentato da un tubetto di pasta autovulcanizzante(quella usata dai meccanici in sostituzione delle guarnizioni)e da un tubetto di grasso sintetico.Procedere è molto semplice. Una volta pulito per bene l'interno del mulinello stendiamo un velo sottile ed uniforme di grasso in prossimità della chiusura lungo tutto il perimetro,quindi
montiamo gli ingranaggi al loro posto,li lubrifichiamo con una punta di grasso;con la pasta vulcanizzante invece stediamo un altro sottile velo sul bordo del carter di chiusura,aspettiamo che si secchi un poco e chiudiamo
il mulinello.In questo modo lo rendiamo abbastanza stagno da non permettere all'umidità e alla sabbia di pentrarvi,e e se qualche granello di sabbia dovesse entrare verrà sicuramente bloccato dal grasso spalmato sulla parete interna. Per aumentare ancora di più l'effetto,veleremo di grasso anche le parti che hanno,a vario titolo,un contatto con l'interno(come la manovella,da ingrassare all'interno delle boccole di chiusura,e il rotore,da ingrassare all'interno della campana). Fatto questo no ci resta che montare il tutto e portarci il mulinello a
pescare...


CASO PRATICO: Shimano Symetre 8000FE
Il mulinello che si è prestato da cavia per le foto esplicative è uno Shimano Symetre 8000FE,l'ultimo entrato a far parte della mia scuderia e acquistato usato ad un prezzo,tutto sommato,abbastanza abordabile.
Se già a prima vista il mulinello sembrava abbastanza curato (qualche traccia di sale sul tappo,e qualche graffio sul corpo,a dare un'idea di un utilizzo quasi esclusivamente marino),una volta aperto sembrava praticamente uscito
dalla scatola(sintomo che il vecchio proprietario ci teneva a tenerlo in perfetto ordine). Comunque,pur non smontadolo completamente,ho rinfrescato la lubrificazione ed invertito la posizione del cuscinetto a sfera sul pignone dalla sede di sx,dove tipicamente è piazzata la manovella,a quella di dx,dove io piazzo la manovella in quanto mancino;questa operazione,ha migliorato la scorrevolezza nel recupero(ancora perfettibile sostituendo la boccola in teflon con un altro cuscinetto.) Ho evitato di smontare la sede dell'antiritorno infinito,visto che non presentava segni di sporcizia e di usura che potessero far immaginare una cattiva lubrificazione,ma anzi si presentava praticamente nuova. Quello che ha necessitato di un'azione più profonda,invece,è stato il gruppo
frizione inserito nella bobina,che già a occhio si presentava tracimante di olio e grasso sull'ultimo disco di pressione,mentre la regolazione sul tappo scattava male. Smontata la frizione,i dischi in feltro si presentavano perfetti(bianchi e non consumati/bruciati),mentre gli infradischi in acciaio erano troppo ingrassati. Ho pressato con un poco di carta assorbente i dischi in feltro,per eliminare l'eccedenza,e ho sgrassato con la nitro quelli in acciaio e la sede della frizione. Ho poi rimontato il tutto come era predisposto,aggiungendo un paio di goccie di olio di vasellina per ogni disco(l'olio di vasellina è molto leggero,e si perde con molta facilità,lasciando comunque il disco umido). Queste oprazioni hanno reso la frizione molto più scorrevole,modulabile,e soprattutto sicura(una volta chiusa non c'è pericolo che la bobina slitti durante il lancio) Smontato il tappo,l'ho semplicemente pulito con una pezzuola imbevuta di petrolio bianco e ingrassato leggermente sulla sferetta dello scatto e sulla molla. L'ultima occhiata l'ho data al complesso archetto/rollino;anche qui ho trovato tutto in perfetto ordine,ma ho comunque pulito con il petrolio bianco e rifatto la lubrificazione.

Poche operazioni(in questo caso),che comunque mi hanno dato la possibilità di vedere l'interno del mulinello e di levare i pochi difetti di funzionamento che presentava.



|
 
NEWS DI GIUGNO




La Corvina

Album fotografico anno 2017
EBAY


DISCUSSIONI RECENTI


ANSA NEWS


MAPPA DEL SITO


Home | Il Sarago nel Surf Casting | La Tenuta al Moto Ondoso | Long Arm clippato by GCB | Pocket Beach | Tempesta Perfetta | I magnifici 5 | Coaster in Nylon occhio al taglio | Scelta della postazione | I piombi nel Surfcasting | Il Fluocarbon nel Surfcasting | Primi approcci - configurazione rotante | Sfielttatore e Filo Elastico | Night and Day | I travi da pesca | Lo Shock Leader | Scelta Attrezzatura - Citazioni 1º | Condimeteo 3 | Condimeteo 2 | Condimeteo 1 | La Mareggiata | Obbiettivo Spigola! | Pelagici da riva... | Orate nel tirreno | Questioni di piombo | Maver Elite 190 | Daiwa 6 HM | Italcanna Fireball S1 | Penn 525 xtra Mag | Century Tornado Match and Sport | Century Tornado lite | Penn serie 525 | Ami, disaminiamo... | TRIO Compact BadBass Technology | SHIMANO BIOMASTER GTX 8000 | Zaino da pesca Fisherbagstore | Manutenzione dei mulinelli | Costruiamo un lead lift | Barretta conversione 6hm | Realiz. stampi cono-piramide 2º | Il Porta finali | Realiz. stampi cono-piramide 1º | Fonderia Cataudo | Modifica zaino FisherbagStore | Lo Sparviero, snodo multifunzionale | Bait Clip | Terminale per il Serra | Costruiamo il Bait Clip | Risparmiamo sui floater! | Stopper alternativo | Recuperiamo i floater | Prolunga del paletto | Costruzione del paletto | Cuscinetti | Oli e Lubrificazione | Costruzione di una palla da lancio | La meccanica dei freni magnetici | Daiwa Millionaire Tournament 7HT | Conversione AMBASSADEUR da cl a ct | Il sistema mag dei rotanti | Analisi rotture canne durante il lancio | Cenni storici, tributo a Lievanais | Guida all uso del rotante | Gli ami  | Daiwa Sealine 30 H | Teleferica: innesco del vivo | Gronghi and co. | La teleferica | Sostituzione boccole per il fisso | Piombo a perdere | 2 Ami per il vivo | Il Galleggiante ascensore | La Cassetta da Pesca | Il Mulinello a Bobina Fissa | Surf fishing e Beachledgering | Mormore, mormore, mormore... | Innescare il pastone | Il pastone | Cefalara Messinese | Come modificare una canna  | Rod Dryer fai da te | Composizione di uno starlight | Pasturatori Pesanti | Segnalatore d abboccata | Divergente per piombo scorrevole | Costruiamo un Tripode... | Stendi finali | Eging | Spinner Bait | Ritorno al Passato | GOMMA E SEABASS | Tabelle di Conversione | Lo Spinning | Freddo da Calamari | Alice s minnow 175 di Bluspin | Max Rap | Minnow Hart | Minnow  | Minnow Youzuri | Minnonw Sakai Lures | Wood n sunfish | Cranky-m | Wood n slither | V-Crank | Midive minnow | Live popper | Wood n minnow | Moran pencil | Dumbbell popper | V-Joint | Bubble popper | Artificiali: Top water and Minnow | Testa piombata con paletta per esche siliconiche | Anelli faidate | Imbobinatore fai da te | Autocostr. manico anna da spinning 2º | Spinner bait parte 2° | Spinner bait parte 1° | Come legare un anello | Jig da mare parte 2° | Jig da mare parte 1° | Anellatura Artificiali | Autocostr. manico canna da spinning | Alternativa legatura piume | A prova di martello | Rattlins fai da te | Filosa per alaccia (lana) | Filosa per alaccia (silicone) | Il salva esche artificiali | Pesca all’aguglia con la bombarda | Misurare il Fondale | Galleggiante e pasturatore 2°Parte | Galleggiante e pasturatore | Reggicanna da banchina | Appendici reggicanna | La Pastura | Pescare all Inglese | La Tecnica della Bolognese | La bombarda | Taratura dei gallegianti | Galleggianti da Inglese | Galleggianti da Bolognese | Il Cavalletto | Piombatura a scalare per lenza a mano | Gli ami per la traina | La canna da Traina | Traina e Battere il Calamaro | L alaccia reperimento e innesco | La Piombatura Frazionata  | L aguglia reperimento e innesco  | Il mulinello da traina | Traina alla Leccia Amia | Traina al Dentice | Equilibrare un artificiale | Artificiali da traina | Piombi per la traina | Come agganciare il piombo guardiano | Traina con piombo guardiano | Traina alle aguglie | Traina di profonditá con il Monel | Traina di Profondità, Affondatore o Downrigger | Everol T-SHOT 20 | SGANCIO RAPIDO QUICK RELEASE | SGANCIO RAPIDO | Sgancio Rapido Per il Piombo Guardiano | Il Piombo a sgancio rapido faidate | Costruzione terminale per il vivo 2º | Costruzione terminale per il vivo 1º | La vasca per il vivo | Traina da terra: Il barchino | Palamito a vela var. trapanese | Pesca con la Caloma 2º | Pesca con la Caloma 1º | Pesca al Pagro nello Stretto di Messina | A Saraghi col palamito | Il vertical jigging | Il Fasolare | Lo Sgombro | Cannolicchio | Oloturia e sua preparazione | Sugarello | Bibi (Spinculus nudus) | Bigattino | Travi | Esplosi | Nodi | La Corvina | La Cernia | Il Cefalo | La Boga | Alletterato | Aguglia | Alalunga | La Lampuga | La biologa risponde | Risposta per mimmop67 | Capo Peloro (ME) | Marina di Melilli | Spinesante (ME) | Santa Croce Camerina (RG) | Penisola Magnisi | Caponegro | Ognina di Siracusa | Catania: dalla Playa al porto di Ognina | Reports | Uno,due,tre...Serra! | Estate da sogno | A traina in cerca di emozioni | Aiolata | Il saragone | Quattro siculi in trasferta | Rotolando verso sud... | Il mio solito sauro... | Scaduta bellissima | Sabato di spettacolo! | A Spinning con Rocco | A pesca con Rocco! | Un amore di Cappotto | Blitz a Mortelle (ME) | Pescata a Lipari | Storia di un amore (Love fishing) | Sciroccata amara | Patti, fastidioso vento laterale! | Un tranquillo week-end di pesca | Events | Evento del 26/05/2006 | Evento del 30/09/2006 | Evento del 20/01/2007 | Evento del 19/05/2007 | Evento del 23/08/2007 | Evento del 14/10/2007 | Evento del 27/10/2007 | Evento del 17/05/2008 | Evento del 25/10/2008 | Evento del 28/03/2009 | Evento del 22/11/2009 | Evento del 03/07/2010 | Evento del 17/10/2010 | Evento del 08/05/2011 | Evento del 20/10/2013 | Evento del 09/02/2014 | Evento del 04/04/2015 | Evento del 04/05/2015 | Evento del 04/06/2015 | Evento del 04/07/2015 | Album fotografico anno 2005 | Album fotografico anno 2006 | Album fotografico anno 2007 | Album fotografico anno 2008 | Album fotografico anno 2009 | Album fotografico anno 2010 | Album fotografico anno 2011 | Album fotografico anno 2012 | Album fotografico anno 2013 | Album fotografico anno 2014 | Album fotografico anno 2015 | Album fotografico anno 2016 | Album fotografico anno 2017 | Paesaggi | Meteo | Downloads | Video | Links | Chat | Forum | Facebook | Contatti | Copyright
Booking.com
Pescare in Sicilia per i tuoi soggiorni consiglia: PrenotareinSicilia | PrenotareinItalia | PrenotareinEuropa
Pescare in Sicilia
All rights reserved
2006-2016
Risoluzione minima consigliata
1280x800

FORUM



Litorale di San Saba - Messina
LINK SUGGERITI


MARCOAG



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
Siamo Online
da 4104 giorni, 1 ore e 33 minuti
Agrigento Caltanissetta Catania
Enna Messina Palermo
Ragusa Siracusa Trapani

Cefalu Taormina Isole Eolie
GOOGLE



Web pescareinsicilia.it

LUIGI LUCCHESI



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
CONTATTACI


Nome

Email

Testo


GIANFRANCO URBANI



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it

www.itineraridipesca.it

TOPSITE PESCA DEPORTIVA


Ultimo aggiornamento
2/05/17 10:00

Google+