ARTICOLI
 
Febbraio 2009
Primi approcci - configurazione rotante
Emanuele Velardita





Da tempo ormai, le “Lezioni sull’utilizzo del rotante” di Pugnax rappresentano una tappa obbligata per chi si avvicina all’utilizzo di queste splendide e divertenti macchine.
Nonostante ciò, è chiaro che, chi si trova alle prese col primo rotante, non sa esattamente dove mettere le mani né, molto probabilmente, in cosa consista praticamente la “configurazione”.
Nel tentativo di risolvere queste incertezze – usando come cavia il più diffuso tra i mulinelli rotanti, ovvero, l’ABU C3 CT 6500 MAG ELITE altrimenti conosciuto come “Verdone” – si è deciso di dar vita a questo piccolo vademecum corredato di foto esplicative che, si spera, dia un quadro abbastanza chiaro delle varie operazioni da compiere.

STEP 1 – SMONTAGGIO MULINELLO E CUSCINETTI.
La via più semplice per accedere alla bobina è smontare il rotante dal lato manovella (dall’altra parte c’è il sistema Mag, che è meglio lasciare stare), svitando soltanto le tre viti zigrinate sporgenti che tengono il pacchetto ingranaggi ancorato al telaio.
Tirando il pacchetto, usciamo la bobina insieme all’asse e, per liberarla, basta semplicemente sfilarla da quest’ultimo.
Sul lato destro della bobina troviamo la piastra porta centrifughi (sulla quale possiamo trovare alloggiati i centrifughi stessi) mentre, al suo interno troviamo i cuscinetti.
Quello a sinistra, poggia su una rondellina in ottone e viene via liberamente (oppure è fermato da una molletta facilmente eliminabile); per l’altro, invece, dobbiamo smontare la piastra porta centrifughi, che è bloccata alla bobina con un fermaglio a C.
Per pulire i cuscinetti, basta immergerli per qualche minuto in un qualsiasi solvente (va benissimo il diluente nitro) e farli asciugare su un tovagliolo di carta assorbente, aspettando che il solvente evapori del tutto.

STEP 2 – LUBRIFICAZIONE CUSCINETTI E CENTRAGGIO BOBINA.
Una buona lubrificazione rende il cuscinetto silenzioso, progressivo e ben protetto nel tempo.
Esistono vari sistemi per effettuare questa operazione.
Quello più semplice e sicuro, sopratutto per i rotanti dedicati alla pesca, consiste nell’immergere i cuscinetti nell’olio, facendoli ruotare sino a che l’olio non li invade completamente (durante la rotazione, appariranno delle bollicine d’aria, finite le quali il cuscinetto è pieno).
Una volta riempito, facciamo spurgare il cuscinetto sul solito tovagliolo di carta assorbente, soffiandoci sopra un paio di volte per fargli espellere l’olio in più (che verrebbe espulso comunque dopo i primi lanci, imbrattando tutta la zona circostante), lasciando il suo interno uniformemente umettato.
A questo punto, rimontiamo il rotante (ricordate che le tre viti zigrinate non vanno serrate a forza ma fermate il giusto) e, aiutandoci con le due manopoline cromate che si trovano ai due lati del mulinello (i registri laterali), centriamo la bobina con il telaio (ci regoliamo osservando quanto bordo bobina esce da un lato e dall’altro) e azzeriamo il freno meccanico lasciando un leggero gioco laterale (non serve una lasco molo ampio; basta che la bobina faccia un minimo movimento ticchettando leggermente).
A questo punto, completiamo le operazioni, equilibrando la bobina e imbobbinandola correttamente.

STEP 3 – EQUILIBRATURA E IMBOBBINAMENTO.
In pratica, tutte le bobine soffrono squilibri più o meno pesanti, tendendo a dondolare e fermarsi sullo stesso punto; è nella loro natura e non possiamo far altrimenti che cercare di correggere questo errore congenito.
Nel caso degli Abu, trattandosi di bobine piccole e leggere, gli squilibri si correggono spesso, semplicemente imbobbinando i primi 30 mt. di filo in maniera casuale creando tre gobbette, la cui forma e volume, cambierà a seconda dello squilibrio che dobbiamo correggere.
L’imbobbinamento, va fatto con tranquillità e molta precisione (niente recuperi a manetta), riempiendo in maniera omogenea e diritta lungo tutta la bobina mantenendo le spire sempre ben affiancate, senza accavallarle o incrociarle e, soprattutto, senza esagerare con la quantità di filo imbobbinato (è bene fermarsi poco sotto il bordo della bobina).

STEP 4 – TEST SUL RISULTATO.
Fermato con un giro di nastro isolante il filo imbobbinato, testiamo quanto abbiamo sin ora fatto, facendo girare la bobina a vuoto – “flippandola” (un giro secco di la manovella premendo contemporaneamente il pulsante di sblocco) o, se non ci riusciamo, spingendola forte con il pollice – per vedere come si comporta.
Un rotante ben configurato (bobina equilibrata, centrata e libera dal meccanico e cuscinetti ben lubrificati) gira per non più di venti secondi, sibilando dolcemente; accelera e rallenta progressivamente e, quando si ferma, non tende a tornare indietro né a dondolare.
Se la nostra bobina non dovesse comportarsi in questo modo, vuol dire che la configurazione non è stata fatta bene e bisogna capire cosa abbiamo sbagliato e agire di conseguenza.
In generale, se tende a girare poco e stentatamente oppure la sentiamo “grattare” durante la rotazione, è un problema di freno meccanico oppure abbiamo sbagliato a centrarla.
Sono problemi che si risolvono velocemente agendo sui registri, cercando di regolare al meglio sial il centraggio della bobina che il lasco laterale. Diversamente, se il mulinello vibra o i cuscinetti stridono sonoramente, la colpa è da attribuire all’equilibratura oppure alla lubrificazione.
Per la lubrificazione, dobbiamo riconfigurare facendo attenzione ai vari procedimenti e, se è il caso, cambiare l’olio con un altro più denso (un’operazione da fare assolutamente anche nell’ipotesi in cui il rotante gira troppo e troppo velocemente).
Nel caso sia un problema di equilibrata, invece, il sistema migliore è quello di sbobinare il filo e rifare le tre gobbette, cambiandone inclinazione e volume, provando – questa volta senza caricare il filo – sino a quando non saremo soddisfatti del suo andamento.
Nel caso di bobine particolarmente squilibrate, possiamo aiutarci ricorrendo all’alluminio adesivo (o al piombo adesivo che si compera in fogli nei negozi di modellismo) da attaccare sul bordo esterno bobina in corrispondenza della parte più leggera (quella che rimane rivolta sempre verso l’alto) per compensare la differenza di peso.
Se proprio non riusciamo ad ottenere un risultato soddisfacente, è il caso di rivolgersi ad un amico più esperto che risolva il problema o ci spieghi come fare.
State attenti però; molto spesso, quello che sembra un rotante assolutamente squilibrato e troppo veloce, se controllato dopo un paio di giorni appare mite come un agnellino.
Il motivo è dato dal fatto che un cuscinetto appena lubrificato, non ha avuto ancora il tempo di amalgamarsi con la lubrificazione.
Quindi, non è male aspettare un po’ di tempo prima di sentenziare che
Piccole note conclusive.

Ad ogni buon conto, prima che mettiate mano al vostro rotante, è importante sottolineare alcuni ulteriori punti importantissimi.

1) Quando togliamo i cuscinetti, sarebbe opportuno punzonarli (va bene un colpo di limetta per unghie dato sul bordo, inutile il pennarello che scolorirebbe subito appena messo il cuscinetto nel diluente) per riposizionarli nella stessa sede e, soprattutto, rispettare il senso di rotazione iniziale.
Per la loro pulizia o lubrificazione, del tutto inutile, per non dire pericoloso, è privarli dei paraoli (è un’operazione che va fatta, con molta attenzione e perizia, solo in casi particolari).
2) Il procedimento di centraggio della bobina, si esegue sui rotanti dotati di due registri laterali (Abu 6500 C3 CT Mag e Rocket e Daiwa 7HT); quelli dotati di un solo registro (Daiwa 6HM, Penn 525, Abu 6500 Sport Mag) sono di norma autocentranti e, quindi, teoricamente il registro serve esclusivamente al controllo del freno meccanico.

2) L’equilibratura, effettivamente, andrebbe fatta a cuscinetti secchi, bobina centrata, meccanico azzerato e mag smontato.
Nel nostro caso, trattandosi di rotanti dalle bobine piccole e leggere, possiamo provare ad equilibrare – nei modi che abbiamo precedentemente detto – a cuscinetti già oleati, rinviando a dopo, in caso di squilibri eccessivi e difficili da correggere, un’analisi ed un intervento più tecnici e puntuali (che non prevedono, a dispetto di quanto sostiene qualcuno, azioni invasive e irreversibili come fresature, sdondature o forature per alleggerire le zone più pesanti, ma soltanto un po’ di pazienza per risolvere il problema).
Ad ogni buon conto, teniamo sempre a mente che l’equilibratura è un concetto relativo e non assoluto. Motivo per cui, possiamo ritenere soddisfacente una rotazione fluida senza vistose vibrazioni e sonori ronzii, potendo tollerare tranquillamente un leggero dondolio finale che, nella maggior parte dei casi, andrà via dopo un paio di lanci e recuperi.

3) Quando lubrifichiamo e imbobbiniamo non dimentichiamoci che deve essere il rotante a seguire noi, non il contrario. Per iniziare, è sempre preferibile affidarsi ad un rotante piccolo (come, appunto l’Abu 6500) da configurare con un olio denso e di viscosità media accoppiato ad un diametro di filo sostenuto che svuoti la bobina con una certa velocità (ad esempio, un olio semisintetico 15/40W accoppiato ad uno 0.35); certamente non avremo in mano un fulmine di guerra ma ci troveremo a che fare con un compagno gestibile ed affidabile in qualsiasi circostanza, che ci seguirà lungo il periodo di apprendimento, facendoci assumere una forte sicurezza col lancio, che diventerà, poco dopo tempo, facile ed intuitivo anche di notte.
Presaci la mano, ricordiamoci che è preferibile sempre ridurre il diametro del filo utilizzato piuttosto che cambiare l’olio o diminuirne la quantità.

4) La lubrificazione, a modesto parere di chi scrive, ha bisogno di un po’ di tempo per attivarsi e rendere al massimo e lo notiamo confrontando il comportamento del rotante a distanza di un paio di giorni dalla configurazione (prima si presenterà un po’ isterico, dopo, molto più calmo e progressivo).
Per questo motivo, giunti in spiaggia (o anche in pedana), è bene iniziare sempre con lanci morbidi – magari chiudendo il mag di un paio di punti rispetto a quanto siamo soliti fare – per distendere il filo e far entrare la lubrificazione in circolo ad una “temperatura” d’esercizio ottimale (né più né meno di come si fa con le automobili quando le avviamo a freddo), spingendo sul manico con una certa progressione, sino a raggiungere in nostri standard abituali.
Rimanendo in tema, protezione, effetto frenante e durata della lubrificazione, sono elementi direttamente legati al rapporto tra densità, viscosità e quantità dell’olio utilizzato.
Però, per quanto dura e sostanziosa possa essere, una lubrificazione da pesca, non è mai eterna.
Certo, potenzialmente potrebbe durare anche un’intera stagione ma, sorge spontanea chiedersi a cosa possa servire rischiare di rovinarsi un’uscita a causa di un rotante che inizia ad uscire dal nostro controllo se, con pochi e semplici passaggi possiamo stare sempre tranquilli e fiduciosi sul suo comportamento.
Quindi, non sarebbe poi così sbagliato rinfrescare la lubrificazione a cadenze periodiche mediamente frequenti piuttosto che sporadiche, senza aspettare che la lubrificazione si esaurisca del tutto, lasciandoci all’improvviso, in piena spiaggia e in piena notte, con una matassa di filo inestricabile tra le mani (oppure costringendoci a chiudere il Mag o il meccanico, più di quanto il nostro lancio non riesca a tollerare).
Nella speranza che tutto ciò sia d’utilità oggi come in futuro, non ci resta che rinviarvi al forum per qualsiasi ed ulteriore chiarimento.
Emanuele Velardita



|
 
NEWS DI AGOSTO




La Corvina

Album fotografico anno 2017
EBAY


DISCUSSIONI RECENTI


ANSA NEWS


MAPPA DEL SITO


Home | Il Sarago nel Surf Casting | La Tenuta al Moto Ondoso | Long Arm clippato by GCB | Pocket Beach | Tempesta Perfetta | I magnifici 5 | Coaster in Nylon occhio al taglio | Scelta della postazione | I piombi nel Surfcasting | Il Fluocarbon nel Surfcasting | Primi approcci - configurazione rotante | Sfielttatore e Filo Elastico | Night and Day | I travi da pesca | Lo Shock Leader | Scelta Attrezzatura - Citazioni 1º | Condimeteo 3 | Condimeteo 2 | Condimeteo 1 | La Mareggiata | Obbiettivo Spigola! | Pelagici da riva... | Orate nel tirreno | Questioni di piombo | Maver Elite 190 | Daiwa 6 HM | Italcanna Fireball S1 | Penn 525 xtra Mag | Century Tornado Match and Sport | Century Tornado lite | Penn serie 525 | Ami, disaminiamo... | TRIO Compact BadBass Technology | SHIMANO BIOMASTER GTX 8000 | Zaino da pesca Fisherbagstore | Manutenzione dei mulinelli | Costruiamo un lead lift | Barretta conversione 6hm | Realiz. stampi cono-piramide 2º | Il Porta finali | Realiz. stampi cono-piramide 1º | Fonderia Cataudo | Modifica zaino FisherbagStore | Lo Sparviero, snodo multifunzionale | Bait Clip | Terminale per il Serra | Costruiamo il Bait Clip | Risparmiamo sui floater! | Stopper alternativo | Recuperiamo i floater | Prolunga del paletto | Costruzione del paletto | Cuscinetti | Oli e Lubrificazione | Costruzione di una palla da lancio | La meccanica dei freni magnetici | Daiwa Millionaire Tournament 7HT | Conversione AMBASSADEUR da cl a ct | Il sistema mag dei rotanti | Analisi rotture canne durante il lancio | Cenni storici, tributo a Lievanais | Guida all uso del rotante | Gli ami  | Daiwa Sealine 30 H | Teleferica: innesco del vivo | Gronghi and co. | La teleferica | Sostituzione boccole per il fisso | Piombo a perdere | 2 Ami per il vivo | Il Galleggiante ascensore | La Cassetta da Pesca | Il Mulinello a Bobina Fissa | Surf fishing e Beachledgering | Mormore, mormore, mormore... | Innescare il pastone | Il pastone | Cefalara Messinese | Come modificare una canna  | Rod Dryer fai da te | Composizione di uno starlight | Pasturatori Pesanti | Segnalatore d abboccata | Divergente per piombo scorrevole | Costruiamo un Tripode... | Stendi finali | Eging | Spinner Bait | Ritorno al Passato | GOMMA E SEABASS | Tabelle di Conversione | Lo Spinning | Freddo da Calamari | Alice s minnow 175 di Bluspin | Max Rap | Minnow Hart | Minnow  | Minnow Youzuri | Minnonw Sakai Lures | Wood n sunfish | Cranky-m | Wood n slither | V-Crank | Midive minnow | Live popper | Wood n minnow | Moran pencil | Dumbbell popper | V-Joint | Bubble popper | Artificiali: Top water and Minnow | Testa piombata con paletta per esche siliconiche | Anelli faidate | Imbobinatore fai da te | Autocostr. manico anna da spinning 2º | Spinner bait parte 2° | Spinner bait parte 1° | Come legare un anello | Jig da mare parte 2° | Jig da mare parte 1° | Anellatura Artificiali | Autocostr. manico canna da spinning | Alternativa legatura piume | A prova di martello | Rattlins fai da te | Filosa per alaccia (lana) | Filosa per alaccia (silicone) | Il salva esche artificiali | Pesca all’aguglia con la bombarda | Misurare il Fondale | Galleggiante e pasturatore 2°Parte | Galleggiante e pasturatore | Reggicanna da banchina | Appendici reggicanna | La Pastura | Pescare all Inglese | La Tecnica della Bolognese | La bombarda | Taratura dei gallegianti | Galleggianti da Inglese | Galleggianti da Bolognese | Il Cavalletto | Piombatura a scalare per lenza a mano | Gli ami per la traina | La canna da Traina | Traina e Battere il Calamaro | L alaccia reperimento e innesco | La Piombatura Frazionata  | L aguglia reperimento e innesco  | Il mulinello da traina | Traina alla Leccia Amia | Traina al Dentice | Equilibrare un artificiale | Artificiali da traina | Piombi per la traina | Come agganciare il piombo guardiano | Traina con piombo guardiano | Traina alle aguglie | Traina di profonditá con il Monel | Traina di Profondità, Affondatore o Downrigger | Everol T-SHOT 20 | SGANCIO RAPIDO QUICK RELEASE | SGANCIO RAPIDO | Sgancio Rapido Per il Piombo Guardiano | Il Piombo a sgancio rapido faidate | Costruzione terminale per il vivo 2º | Costruzione terminale per il vivo 1º | La vasca per il vivo | Traina da terra: Il barchino | Palamito a vela var. trapanese | Pesca con la Caloma 2º | Pesca con la Caloma 1º | Pesca al Pagro nello Stretto di Messina | A Saraghi col palamito | Il vertical jigging | Il Fasolare | Lo Sgombro | Cannolicchio | Oloturia e sua preparazione | Sugarello | Bibi (Spinculus nudus) | Bigattino | Travi | Esplosi | Nodi | La Corvina | La Cernia | Il Cefalo | La Boga | Alletterato | Aguglia | Alalunga | La Lampuga | La biologa risponde | Risposta per mimmop67 | Capo Peloro (ME) | Marina di Melilli | Spinesante (ME) | Santa Croce Camerina (RG) | Penisola Magnisi | Caponegro | Ognina di Siracusa | Catania: dalla Playa al porto di Ognina | Reports | Uno,due,tre...Serra! | Estate da sogno | A traina in cerca di emozioni | Aiolata | Il saragone | Quattro siculi in trasferta | Rotolando verso sud... | Il mio solito sauro... | Scaduta bellissima | Sabato di spettacolo! | A Spinning con Rocco | A pesca con Rocco! | Un amore di Cappotto | Blitz a Mortelle (ME) | Pescata a Lipari | Storia di un amore (Love fishing) | Sciroccata amara | Patti, fastidioso vento laterale! | Un tranquillo week-end di pesca | Events | Evento del 26/05/2006 | Evento del 30/09/2006 | Evento del 20/01/2007 | Evento del 19/05/2007 | Evento del 23/08/2007 | Evento del 14/10/2007 | Evento del 27/10/2007 | Evento del 17/05/2008 | Evento del 25/10/2008 | Evento del 28/03/2009 | Evento del 22/11/2009 | Evento del 03/07/2010 | Evento del 17/10/2010 | Evento del 08/05/2011 | Evento del 20/10/2013 | Evento del 09/02/2014 | Evento del 04/04/2015 | Evento del 04/05/2015 | Evento del 04/06/2015 | Evento del 04/07/2015 | Album fotografico anno 2005 | Album fotografico anno 2006 | Album fotografico anno 2007 | Album fotografico anno 2008 | Album fotografico anno 2009 | Album fotografico anno 2010 | Album fotografico anno 2011 | Album fotografico anno 2012 | Album fotografico anno 2013 | Album fotografico anno 2014 | Album fotografico anno 2015 | Album fotografico anno 2016 | Album fotografico anno 2017 | Paesaggi | Meteo | Downloads | Video | Links | Chat | Forum | Facebook | Contatti | Copyright
Booking.com
Pescare in Sicilia per i tuoi soggiorni consiglia: PrenotareinSicilia | PrenotareinItalia | PrenotareinEuropa
Pescare in Sicilia
All rights reserved
2006-2016
Risoluzione minima consigliata
1280x800

FORUM



Litorale di San Saba - Messina
LINK SUGGERITI


MARCOAG



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
Siamo Online
da 4161 giorni, 17 ore e 26 minuti
Agrigento Caltanissetta Catania
Enna Messina Palermo
Ragusa Siracusa Trapani

Cefalu Taormina Isole Eolie
GOOGLE



Web pescareinsicilia.it

DOMENICO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
CONTATTACI


Nome

Email

Testo


MARCO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it

www.itineraridipesca.it

TOPSITE PESCA DEPORTIVA


Ultimo aggiornamento
2/05/17 10:00

Google+