ARTICOLI
 
Marzo 2010
Pocket Beach
Emanuele Velardita





La piccola caletta incastonata tra alti promontori che chiudono a ferro di cavallo spingendosi verso il largo, è l’esempio più classico di pocket beach.
Ovvero, una spiaggia piccola e raccolta, spesso chiusa da alti promontori, dal disegno marcatamente curvilineo e dal fondale disseminato di buche e spesso “macchiato” da scogli sia sommersi che affioranti.
Questi particolarità, danno un’idea delle loro potenzialità e del loro atteggiamento nei confronti delle perturbazioni.
Infatti, da una parte, la ridotta superficie, non favorisce sicuramente l’entrata in pascolo dall’esterno; dall’altra, la presenza di rocce e tane, fa supporre una presenza più o meno continua dello stanziale.
In ultimo, I promontori ai lati, che spesso chiudono e ferro di cavallo, riparano lo spot dalle perturbazioni.
In pratica, anche qui il vento arriva generando l’effetto onda, ma in maniera differente alla classica spiaggia aperta, sia per via della particolare morfologia del fondale, sia, appunto, per la copertura data dai promontori.

Quando e perché.
Sappiamo che il Surf Casting, nella sua essenza, non può sottrarsi ad alcune regole fondamentali.
La prima di queste è il fattore onda che ara il fondale facendo affiorare quel pabulum che, nel tempo, è maturato sotto la coltre sabbiosa.
Il corollario è che la preda tipica del Surf, giungendo dai banchi di posidonia posti al largo rispetto all’arenile, si avvicina alla costa sfruttando i canali di entrata alla costa.
E i motivi che la inducono a comportarsi, partono sicuramente dalle maggiori possibilità alimentari che una condizione del genere crea, ma arrivano alla temperatura dell’acqua, resa certamente più mite dagli attriti generati durante la mareggiata.
Evidentemente, interpretata in questa chiave, la Pocket Beach non può rappresentare una regola ma un’eccezione.
Un’eccezione non solo perché la sua superficie limitata ed è ragionevole supporre che l’avvicinamento delle prede le interessa in maniera marginale, ma anche perché il moto ondoso che le smuove non è tale da dissodare e disegnare un fondale pregevole ed interessante.
Quanto detto non deve comunque depistare.
La Pocket è un’eccezione molto importante, poiché è a questa particolare tipologia di spiagge che il surf caster si rivolge – o è portato a rivolgersi – quando, valutate le condizioni meteo e marine, le risultanze non depongono oggettivamente a favore della spiaggia aperta.

La Strategia.
Quanto appena detto, impone chiaramente una diversa strategia d’approccio.
Saltano piè pari le certezze – ammesso sempre che di certezze si possa parlare – che riguardano l’analisi dello spot alla ricerca di segnali che scoprano i punti potenzialmente più favorevoli.
Nel nostro caso, infatti, riccioli e schiumate tracciano la mappa di un fondale dal lento e uniforme digradare ma accidentato dalla presenza di scogli di scogli, piuttosto che da buche e canali.
Inoltre, l’ampiezza limitata di un bagnasciuga dall’andamento marcatamente curvilineo ma omogeneo, completa un quadro in cui salta anche la regola de “L’ultimo frangente” per introdurre l’eccezione de “Il perimetro e le zone di pascolo”.
In questo senso, non è la distanza ma la precisione nel lancio ad avere la meglio.
Precisione, nel porre le esche ai margini delle macchie e delle schiumate e precisione nel non superare, con un perfetto quanto inutile gesto atletico, i confini di un perimetro comunque abbastanza ristretto, da battere più in largo che in lungo.
Certo non è una regola ma il risultato di uno spicciolo ragionamento.
Se l’attenzione è rivolta alla preda stanziale, che stanziale è, per definizione, sono perché ha scelto di fermarsi e vivere in quell’habitat piuttosto che in un altro, la ricerca andrebbe fatta dove è presumibile che questa possa trovare del cibo.
Quindi, innanzi tutto i margini degli scogli sommersi o che affiorano dall’acqua, oppure i lati della spiaggia in prossimità dei promontori.
In questo senso, diventa principale un corretto allestimento della postazione, con canne ben distribuite e distanziate per coprire al massimo le zone d’interesse.

Le Prede.
Si è fatto tanto parlare di prede, definendole stanziali.
Ma quali sono le specie che decidono di vivere in un luogo del genere?
Sicuri che non si tratta di enormi quantità, è pur certo che le Pocket, affrontate con metodo, riescono a regalare soddisfazioni difficilmente ripetibili in una spiaggia aperta.
Le specie che ne popolano i fondali sono poche e variano in base alle caratteristiche specifiche del fondale e dei promontori, nonché delle condizioni meteomarine.
Innanzitutto, tra le frane di schiuma che circoscrivono gli scogli, non è raro l’incontro (anche e sopratutto di giorno) con il grosso sarago in pascolo sotto di essi (nei pressi dei quali, probabilmente ha scelto anche la tana).
L’orata è sicuramente più rara, ma non impossibile, stazionando spesso all’esterno, in prossimità di eventuali banchi di posidonia.
Anche la spigola, ha una sua specifica allocazione in questo quadro.
Spesso caccia ai margini dei promontori, e non è un caso se, dai promontori stessi, viene tentata dagli spinner mentre è in caccia.
Ad ogni buon conto, è indiscutibile che, la Pocket Beach è il regno incontrastato dei grossi gronghi.
Al calare della notte, prescindendo da qualsiasi condizione di mare, iniziano a cacciare sul fondo alla ricerca di cibo e, in alcuni casi, non danno tregua alle nostre esche.
È questo il motivo per cui la Pocket Beach, rappresenta la miglior nave scuola per chi intende avvicinarsi al Surf vero, con una certa coscienza.
È su questi lidi che, infatti, si affinano quelle doti tecniche e caratteriali indispensabili, in seguito, per affrontare degnamente le spiagge aperte e le loro – altre e diverse – insidie.
Ed è qui che il surf caster navigato, ritorna quando, demotivato, ha bisogno di nuovi stimoli per rinverdire la sua passione.
Ave atque vale
Emanuele Velardita.



|
 
NEWS DI GIUGNO




La Corvina

Album fotografico anno 2017
EBAY


DISCUSSIONI RECENTI


ANSA NEWS


MAPPA DEL SITO


Home | Il Sarago nel Surf Casting | La Tenuta al Moto Ondoso | Long Arm clippato by GCB | Pocket Beach | Tempesta Perfetta | I magnifici 5 | Coaster in Nylon occhio al taglio | Scelta della postazione | I piombi nel Surfcasting | Il Fluocarbon nel Surfcasting | Primi approcci - configurazione rotante | Sfielttatore e Filo Elastico | Night and Day | I travi da pesca | Lo Shock Leader | Scelta Attrezzatura - Citazioni 1º | Condimeteo 3 | Condimeteo 2 | Condimeteo 1 | La Mareggiata | Obbiettivo Spigola! | Pelagici da riva... | Orate nel tirreno | Questioni di piombo | Maver Elite 190 | Daiwa 6 HM | Italcanna Fireball S1 | Penn 525 xtra Mag | Century Tornado Match and Sport | Century Tornado lite | Penn serie 525 | Ami, disaminiamo... | TRIO Compact BadBass Technology | SHIMANO BIOMASTER GTX 8000 | Zaino da pesca Fisherbagstore | Manutenzione dei mulinelli | Costruiamo un lead lift | Barretta conversione 6hm | Realiz. stampi cono-piramide 2º | Il Porta finali | Realiz. stampi cono-piramide 1º | Fonderia Cataudo | Modifica zaino FisherbagStore | Lo Sparviero, snodo multifunzionale | Bait Clip | Terminale per il Serra | Costruiamo il Bait Clip | Risparmiamo sui floater! | Stopper alternativo | Recuperiamo i floater | Prolunga del paletto | Costruzione del paletto | Cuscinetti | Oli e Lubrificazione | Costruzione di una palla da lancio | La meccanica dei freni magnetici | Daiwa Millionaire Tournament 7HT | Conversione AMBASSADEUR da cl a ct | Il sistema mag dei rotanti | Analisi rotture canne durante il lancio | Cenni storici, tributo a Lievanais | Guida all uso del rotante | Gli ami  | Daiwa Sealine 30 H | Teleferica: innesco del vivo | Gronghi and co. | La teleferica | Sostituzione boccole per il fisso | Piombo a perdere | 2 Ami per il vivo | Il Galleggiante ascensore | La Cassetta da Pesca | Il Mulinello a Bobina Fissa | Surf fishing e Beachledgering | Mormore, mormore, mormore... | Innescare il pastone | Il pastone | Cefalara Messinese | Come modificare una canna  | Rod Dryer fai da te | Composizione di uno starlight | Pasturatori Pesanti | Segnalatore d abboccata | Divergente per piombo scorrevole | Costruiamo un Tripode... | Stendi finali | Eging | Spinner Bait | Ritorno al Passato | GOMMA E SEABASS | Tabelle di Conversione | Lo Spinning | Freddo da Calamari | Alice s minnow 175 di Bluspin | Max Rap | Minnow Hart | Minnow  | Minnow Youzuri | Minnonw Sakai Lures | Wood n sunfish | Cranky-m | Wood n slither | V-Crank | Midive minnow | Live popper | Wood n minnow | Moran pencil | Dumbbell popper | V-Joint | Bubble popper | Artificiali: Top water and Minnow | Testa piombata con paletta per esche siliconiche | Anelli faidate | Imbobinatore fai da te | Autocostr. manico anna da spinning 2º | Spinner bait parte 2° | Spinner bait parte 1° | Come legare un anello | Jig da mare parte 2° | Jig da mare parte 1° | Anellatura Artificiali | Autocostr. manico canna da spinning | Alternativa legatura piume | A prova di martello | Rattlins fai da te | Filosa per alaccia (lana) | Filosa per alaccia (silicone) | Il salva esche artificiali | Pesca all’aguglia con la bombarda | Misurare il Fondale | Galleggiante e pasturatore 2°Parte | Galleggiante e pasturatore | Reggicanna da banchina | Appendici reggicanna | La Pastura | Pescare all Inglese | La Tecnica della Bolognese | La bombarda | Taratura dei gallegianti | Galleggianti da Inglese | Galleggianti da Bolognese | Il Cavalletto | Piombatura a scalare per lenza a mano | Gli ami per la traina | La canna da Traina | Traina e Battere il Calamaro | L alaccia reperimento e innesco | La Piombatura Frazionata  | L aguglia reperimento e innesco  | Il mulinello da traina | Traina alla Leccia Amia | Traina al Dentice | Equilibrare un artificiale | Artificiali da traina | Piombi per la traina | Come agganciare il piombo guardiano | Traina con piombo guardiano | Traina alle aguglie | Traina di profonditá con il Monel | Traina di Profondità, Affondatore o Downrigger | Everol T-SHOT 20 | SGANCIO RAPIDO QUICK RELEASE | SGANCIO RAPIDO | Sgancio Rapido Per il Piombo Guardiano | Il Piombo a sgancio rapido faidate | Costruzione terminale per il vivo 2º | Costruzione terminale per il vivo 1º | La vasca per il vivo | Traina da terra: Il barchino | Palamito a vela var. trapanese | Pesca con la Caloma 2º | Pesca con la Caloma 1º | Pesca al Pagro nello Stretto di Messina | A Saraghi col palamito | Il vertical jigging | Il Fasolare | Lo Sgombro | Cannolicchio | Oloturia e sua preparazione | Sugarello | Bibi (Spinculus nudus) | Bigattino | Travi | Esplosi | Nodi | La Corvina | La Cernia | Il Cefalo | La Boga | Alletterato | Aguglia | Alalunga | La Lampuga | La biologa risponde | Risposta per mimmop67 | Capo Peloro (ME) | Marina di Melilli | Spinesante (ME) | Santa Croce Camerina (RG) | Penisola Magnisi | Caponegro | Ognina di Siracusa | Catania: dalla Playa al porto di Ognina | Reports | Uno,due,tre...Serra! | Estate da sogno | A traina in cerca di emozioni | Aiolata | Il saragone | Quattro siculi in trasferta | Rotolando verso sud... | Il mio solito sauro... | Scaduta bellissima | Sabato di spettacolo! | A Spinning con Rocco | A pesca con Rocco! | Un amore di Cappotto | Blitz a Mortelle (ME) | Pescata a Lipari | Storia di un amore (Love fishing) | Sciroccata amara | Patti, fastidioso vento laterale! | Un tranquillo week-end di pesca | Events | Evento del 26/05/2006 | Evento del 30/09/2006 | Evento del 20/01/2007 | Evento del 19/05/2007 | Evento del 23/08/2007 | Evento del 14/10/2007 | Evento del 27/10/2007 | Evento del 17/05/2008 | Evento del 25/10/2008 | Evento del 28/03/2009 | Evento del 22/11/2009 | Evento del 03/07/2010 | Evento del 17/10/2010 | Evento del 08/05/2011 | Evento del 20/10/2013 | Evento del 09/02/2014 | Evento del 04/04/2015 | Evento del 04/05/2015 | Evento del 04/06/2015 | Evento del 04/07/2015 | Album fotografico anno 2005 | Album fotografico anno 2006 | Album fotografico anno 2007 | Album fotografico anno 2008 | Album fotografico anno 2009 | Album fotografico anno 2010 | Album fotografico anno 2011 | Album fotografico anno 2012 | Album fotografico anno 2013 | Album fotografico anno 2014 | Album fotografico anno 2015 | Album fotografico anno 2016 | Album fotografico anno 2017 | Paesaggi | Meteo | Downloads | Video | Links | Chat | Forum | Facebook | Contatti | Copyright
Booking.com
Pescare in Sicilia per i tuoi soggiorni consiglia: PrenotareinSicilia | PrenotareinItalia | PrenotareinEuropa
Pescare in Sicilia
All rights reserved
2006-2016
Risoluzione minima consigliata
1280x800

FORUM



Litorale di San Saba - Messina
LINK SUGGERITI


PIERO GENOVESE



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
Siamo Online
da 4106 giorni, 8 ore e 42 minuti
Agrigento Caltanissetta Catania
Enna Messina Palermo
Ragusa Siracusa Trapani

Cefalu Taormina Isole Eolie
GOOGLE



Web pescareinsicilia.it

ALESSANDRO CAVALLARO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
CONTATTACI


Nome

Email

Testo


EMANUELE LISI



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it

www.itineraridipesca.it

TOPSITE PESCA DEPORTIVA


Ultimo aggiornamento
2/05/17 10:00

Google+