ARTICOLI
 
Luglio 2006
Traina di profonditá con il Monel
Emanuele Lisi & Ing. Gianfranco Urbani





Un’ altro sistema valido per affondare le esche (vive e artificiali) è il monel .
Esso è un filo acciaioso (nickel-cromo) con ottime qualità di affondamento utilizzato in particolar modo per la pesca a spigole e dentici , di solito viene venduto in due bobine unite da 100m l’una in libraggi che variano da 20 a 80 lb, ma quelli più usati sono 30-50lb. Però durante le manovre di recupero e di cala , l’utilizzo di monel di grosso libraggio potrebbe comportare il rischio di spaccare il monel per la troppa rigidità oppure creare parrucche(effetto molla) con la conseguenza di bloccare il mulinello rotante.
Il monel ( es. 50lb) affonda 1 m circa ogni 10m di monel calato in mare alla velocita di 3 ,5 nodi circa . Il mulinello nel quale va imbobinato il nostro monel deve avere delle caratteristiche particolari , infatti la bobina deve essere in acciaio inox per evitare che le *correnti galvaniche (vedi articolo seguente) la corrodano , se non disponiamo un mulinello con una bobina in acciaio inox dobbiamo provvedere al suo isolamento con del nastro isolante . La canna che utilizzeremo per la pesca con il monel dovrà essere munita di passanti a carrucola o anelli per uso specifico del monel , in modo da evitare che gli anelli si intacchino e si spacchino .
Procediamo quanto segue per l’imbobinamento del monel
-usare mulinelli a bobina rotante della misura minima del 4/0
-se non disponiamo di mulinello con bobina inox isolare la bobina
-creare un fondino di nylon 200m circa dello 0,60 mm
-legare il filo del fondino al monel tramite un nodo albrigh special oppure una girella di adeguato libraggio capace di passare attraverso le carrucole o gli anelli della canna
-eseguire l’operazione di imbobinamento sempre in due persone per evitare parrucche
-dopo aver imbobinato il monel legare circa 15metri di terminale dello 0,40-50 (dipende dalle prede che si vuole insidiare) tramite una girella oppure un nodo albright special e poi legare l’artificiale.
Dopo avere effettuato l’ imbobinamento eseguire una marcatura ogni 25 o 50m con dei nodini colorati per avere un idea di quanto monel abbiamo calato in mare durante l’azione di pesca e per questo vi consiglio di confrontare l’affondamento del monel con un adeguato ecoscandaglio.
Per mettere in pesca il monel eseguire quanto segue
-mettere il natante ad un regime di pesca di 2-3 nodi
-calare in mare l’artificiale con relativo terminale , avendo cura per i primi 15-20 m di controllare la rotazione della bobina con il pollice
- per facilitare la messa in pesca del monel vi consiglio di usare un minnow a paletta metallica o un super bavettore , cosi da creare più attrito ed evitare parrucche.
Dopo aver messo in pesca la canna tarare la frizione sullo strike e aspettare l’abboccata del pesce e durante il suo recupero non scordate che il monel ha elasticità nulla e tutti i colpi vengono assorbiti dal terminale di nylon e dall’esca artificiale o dall’amo , per evitare sgradevoli sorprese come spaccatura del terminale o perdita del pesce tarare la frizione del mulinello a mestiere.

La corrosione galvanica a cura dell'Ing.Gianfranco Urbani
Il fenomeno corrosivo più nominato è sicuramente quello noto con il nome di corrosione galvanica, ma ce ne sono anche altri, come quelli provocati dalle correnti parassite, dalle correnti di circolazione e da ogni altro tipo di correnti vaganti. Bisogna infatti ricordare che tutte le correnti elettriche, da qualsiasi fenomeno innescate, provocano fenomeni di corrosione nei metalli interessati dalla loro circolazione. La corrosione galvanica è un fenomeno imprevedibile e spesso molto pericoloso. E' sicuramente diretta conseguenza delle correnti elettriche che nascono e si sviluppano fra due o più metalli, più o meno vicini nella scala galvanica, che, elettricamente collegati tra loro, sono anche immersi in una soluzione salina.
In queste condizioni ogni metallo assume un proprio potenziale elettrico. Se i metalli interessati dal fenomeno sono diversi, o direttamente, o attraverso la soluzione salina nella quale sono immersi, inizierà un naturale movimento di elettroni, come in qualsiasi circuito elettrico quando, per qualsiasi motivo, vengono in contatto due punti a potenziale elettrico diverso. Naturalmente l'intensità di questo movimento di elettroni sarà tanto maggiore quanto maggiore sarà la differenza di potenziale elettrico fra i metalli oggetto del fenomeno. Questo movimento di elettroni rappresenta una vera corrente elettrica, che in questo caso viene chiamata corrente galvanica.
La corrente galvanica innesca immediatamente un processo di corrosione che coinvolge tutti i metalli interessati dal fenomeno elettrico. Essendo però la natura intrinseca dei metalli molto diversa tra loro, anche la corrosione cui vengono sottoposti assume quantità a volte molto diverse tra loro. Naturalmente quindi i volumi maggiori di corrosione saranno evidenziati maggiormente nei metalli meno nobili. (Per es. sarà molto più attaccato un alluminio piuttosto che un acciaio).
Le correnti galvaniche normalmente nascono in modo del tutto spontaneo, pur nelle condizioni appena descritte, apparentemente senza una logica prevedibile. Si è però notato che quasi sempre sono influenze esterne che contribuiscono ad innescare il fenomeno elettrochimico che può poi continuare anche da solo. Una delle maggiori cause esterne è sicuramente da ricercare nei potenziali elettrici che si manifestano con l'allacciamento degli impianti di bordo a 12 o 24 Volt, alle reti di distribuzione elettrica a 220 Volt. Questi potenziali elettrici, che sono diversi da quelli presenti nei metalli immersi di una barca, assumono spesso valori anche considerevoli rispetto al suolo terrestre e rispetto alle altre strutture immerse più o meno nelle vicinanze. Come già detto, tutte le strutture metalliche in contatto con acqua salata sono destinate a subire danni quando si trovano attraversate da correnti elettriche di qualsiasi natura ed origine. Tutti i metalli quindi sono interessati a questi fenomeni di corrosione.



|
 
NEWS DI GIUGNO




La Corvina

Album fotografico anno 2017
EBAY


DISCUSSIONI RECENTI


ANSA NEWS


MAPPA DEL SITO


Home | Il Sarago nel Surf Casting | La Tenuta al Moto Ondoso | Long Arm clippato by GCB | Pocket Beach | Tempesta Perfetta | I magnifici 5 | Coaster in Nylon occhio al taglio | Scelta della postazione | I piombi nel Surfcasting | Il Fluocarbon nel Surfcasting | Primi approcci - configurazione rotante | Sfielttatore e Filo Elastico | Night and Day | I travi da pesca | Lo Shock Leader | Scelta Attrezzatura - Citazioni 1º | Condimeteo 3 | Condimeteo 2 | Condimeteo 1 | La Mareggiata | Obbiettivo Spigola! | Pelagici da riva... | Orate nel tirreno | Questioni di piombo | Maver Elite 190 | Daiwa 6 HM | Italcanna Fireball S1 | Penn 525 xtra Mag | Century Tornado Match and Sport | Century Tornado lite | Penn serie 525 | Ami, disaminiamo... | TRIO Compact BadBass Technology | SHIMANO BIOMASTER GTX 8000 | Zaino da pesca Fisherbagstore | Manutenzione dei mulinelli | Costruiamo un lead lift | Barretta conversione 6hm | Realiz. stampi cono-piramide 2º | Il Porta finali | Realiz. stampi cono-piramide 1º | Fonderia Cataudo | Modifica zaino FisherbagStore | Lo Sparviero, snodo multifunzionale | Bait Clip | Terminale per il Serra | Costruiamo il Bait Clip | Risparmiamo sui floater! | Stopper alternativo | Recuperiamo i floater | Prolunga del paletto | Costruzione del paletto | Cuscinetti | Oli e Lubrificazione | Costruzione di una palla da lancio | La meccanica dei freni magnetici | Daiwa Millionaire Tournament 7HT | Conversione AMBASSADEUR da cl a ct | Il sistema mag dei rotanti | Analisi rotture canne durante il lancio | Cenni storici, tributo a Lievanais | Guida all uso del rotante | Gli ami  | Daiwa Sealine 30 H | Teleferica: innesco del vivo | Gronghi and co. | La teleferica | Sostituzione boccole per il fisso | Piombo a perdere | 2 Ami per il vivo | Il Galleggiante ascensore | La Cassetta da Pesca | Il Mulinello a Bobina Fissa | Surf fishing e Beachledgering | Mormore, mormore, mormore... | Innescare il pastone | Il pastone | Cefalara Messinese | Come modificare una canna  | Rod Dryer fai da te | Composizione di uno starlight | Pasturatori Pesanti | Segnalatore d abboccata | Divergente per piombo scorrevole | Costruiamo un Tripode... | Stendi finali | Eging | Spinner Bait | Ritorno al Passato | GOMMA E SEABASS | Tabelle di Conversione | Lo Spinning | Freddo da Calamari | Alice s minnow 175 di Bluspin | Max Rap | Minnow Hart | Minnow  | Minnow Youzuri | Minnonw Sakai Lures | Wood n sunfish | Cranky-m | Wood n slither | V-Crank | Midive minnow | Live popper | Wood n minnow | Moran pencil | Dumbbell popper | V-Joint | Bubble popper | Artificiali: Top water and Minnow | Testa piombata con paletta per esche siliconiche | Anelli faidate | Imbobinatore fai da te | Autocostr. manico anna da spinning 2º | Spinner bait parte 2° | Spinner bait parte 1° | Come legare un anello | Jig da mare parte 2° | Jig da mare parte 1° | Anellatura Artificiali | Autocostr. manico canna da spinning | Alternativa legatura piume | A prova di martello | Rattlins fai da te | Filosa per alaccia (lana) | Filosa per alaccia (silicone) | Il salva esche artificiali | Pesca all’aguglia con la bombarda | Misurare il Fondale | Galleggiante e pasturatore 2°Parte | Galleggiante e pasturatore | Reggicanna da banchina | Appendici reggicanna | La Pastura | Pescare all Inglese | La Tecnica della Bolognese | La bombarda | Taratura dei gallegianti | Galleggianti da Inglese | Galleggianti da Bolognese | Il Cavalletto | Piombatura a scalare per lenza a mano | Gli ami per la traina | La canna da Traina | Traina e Battere il Calamaro | L alaccia reperimento e innesco | La Piombatura Frazionata  | L aguglia reperimento e innesco  | Il mulinello da traina | Traina alla Leccia Amia | Traina al Dentice | Equilibrare un artificiale | Artificiali da traina | Piombi per la traina | Come agganciare il piombo guardiano | Traina con piombo guardiano | Traina alle aguglie | Traina di profonditá con il Monel | Traina di Profondità, Affondatore o Downrigger | Everol T-SHOT 20 | SGANCIO RAPIDO QUICK RELEASE | SGANCIO RAPIDO | Sgancio Rapido Per il Piombo Guardiano | Il Piombo a sgancio rapido faidate | Costruzione terminale per il vivo 2º | Costruzione terminale per il vivo 1º | La vasca per il vivo | Traina da terra: Il barchino | Palamito a vela var. trapanese | Pesca con la Caloma 2º | Pesca con la Caloma 1º | Pesca al Pagro nello Stretto di Messina | A Saraghi col palamito | Il vertical jigging | Il Fasolare | Lo Sgombro | Cannolicchio | Oloturia e sua preparazione | Sugarello | Bibi (Spinculus nudus) | Bigattino | Travi | Esplosi | Nodi | La Corvina | La Cernia | Il Cefalo | La Boga | Alletterato | Aguglia | Alalunga | La Lampuga | La biologa risponde | Risposta per mimmop67 | Capo Peloro (ME) | Marina di Melilli | Spinesante (ME) | Santa Croce Camerina (RG) | Penisola Magnisi | Caponegro | Ognina di Siracusa | Catania: dalla Playa al porto di Ognina | Reports | Uno,due,tre...Serra! | Estate da sogno | A traina in cerca di emozioni | Aiolata | Il saragone | Quattro siculi in trasferta | Rotolando verso sud... | Il mio solito sauro... | Scaduta bellissima | Sabato di spettacolo! | A Spinning con Rocco | A pesca con Rocco! | Un amore di Cappotto | Blitz a Mortelle (ME) | Pescata a Lipari | Storia di un amore (Love fishing) | Sciroccata amara | Patti, fastidioso vento laterale! | Un tranquillo week-end di pesca | Events | Evento del 26/05/2006 | Evento del 30/09/2006 | Evento del 20/01/2007 | Evento del 19/05/2007 | Evento del 23/08/2007 | Evento del 14/10/2007 | Evento del 27/10/2007 | Evento del 17/05/2008 | Evento del 25/10/2008 | Evento del 28/03/2009 | Evento del 22/11/2009 | Evento del 03/07/2010 | Evento del 17/10/2010 | Evento del 08/05/2011 | Evento del 20/10/2013 | Evento del 09/02/2014 | Evento del 04/04/2015 | Evento del 04/05/2015 | Evento del 04/06/2015 | Evento del 04/07/2015 | Album fotografico anno 2005 | Album fotografico anno 2006 | Album fotografico anno 2007 | Album fotografico anno 2008 | Album fotografico anno 2009 | Album fotografico anno 2010 | Album fotografico anno 2011 | Album fotografico anno 2012 | Album fotografico anno 2013 | Album fotografico anno 2014 | Album fotografico anno 2015 | Album fotografico anno 2016 | Album fotografico anno 2017 | Paesaggi | Meteo | Downloads | Video | Links | Chat | Forum | Facebook | Contatti | Copyright
Booking.com
Pescare in Sicilia per i tuoi soggiorni consiglia: PrenotareinSicilia | PrenotareinItalia | PrenotareinEuropa
Pescare in Sicilia
All rights reserved
2006-2016
Risoluzione minima consigliata
1280x800

FORUM



Litorale di San Saba - Messina
LINK SUGGERITI


EMANUELE LISI



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
Siamo Online
da 4103 giorni, 20 ore e 34 minuti
Agrigento Caltanissetta Catania
Enna Messina Palermo
Ragusa Siracusa Trapani

Cefalu Taormina Isole Eolie
GOOGLE



Web pescareinsicilia.it

MASSIMO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
CONTATTACI


Nome

Email

Testo


MARCO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it

www.itineraridipesca.it

TOPSITE PESCA DEPORTIVA


Ultimo aggiornamento
2/05/17 10:00

Google+