ARTICOLI
 
Ottobre 2008
Night and Day
Emanuele Velardita





In principio, era la notte a vedere lo scer protagonista indiscusso della spiaggia.
Si iniziava un paio di ore prima del tramonto e si finiva sempre dopo l’alba.
Forse per comodo, o anche per curiosità, alcuni hanno iniziato a tentare le spiagge anche di giorno, scoprendo che, quelle condizioni essenziali ritenute appannaggio esclusivo delle ore notturne, di fatto sussistevano anche in pieno giorno, pronte ad esser studiate e sfruttate nel migliore dei modi.
Del resto, che il pesce pascoli anche di giorno, non è una novità.
Il caso orata è emblematico.
Cattura sporadica di notte e regina incontrastata delle ore diurne, la sua pesca, con il passar del tempo, è diventata tecnica a se stante distinta da regole ben precise ed imprescindibili.
Il tradizionalista obietterà che non di Surf si sta trattando, ma di “vile” pesca a fondo.
Ma, per i più scettici, la comprova la possiamo cercare e trovare in altre tecniche, come lo spinning.
Caso in cui, come ben sappiamo, non è rara la grossa spigola, catturata facendo lavorare l’insidia tra la schiuma di una mareggiata in pieno giorno.
Ma, tra il giorno e la notte, esistono delle differenze decisive, importanti da analizzare ai fini di una pianificazione della battuta che si riveli potenzialmente vincente.
Correnti e Maree.
Il motivo sul perché il Surf in Mediterraneo si è sviluppato come pratica imprescindibilmente notturna, è da ricercare nella limpidezza delle nostre acque.
Diversamente, l’esperienza anglosassone ci insegna che, se l’acqua è sempre torbida, tanto vale tentare di giorno piuttosto che sfiancarsi la notte.
Nonostante sia inopinabile che le situazioni che affrontano Peter e John in terra di Albione, non possano essere paragonabili a quelle affrontate da Pietro e Giovanni lungo le nostre coste, è pur vero che, nel bel mezzo di una mareggiata, il rimescolamento sarà tale da velare completamente le acque.
In passato si sosteneva che ciò sfavorendo una corretta ossigenazione dell’acqua, non fosse ideale per l’avvio della catena alimentare.
L’esperienza degli ultimi anni ha dimostrato che, tra quel fango, qualcosa gira ed è disponibile alla cattura.
Un altro elemento da non sottovalutare, è dato dall’influenza della luna sulle correnti.
Un’influenza particolare, foriera di cambiamenti importanti sul fondale, soprattutto riguardo alla presenza di alghe.
Senza voler entrare nel merito – anche perché, diciamolo pure, poco o nulla ne sappiamo – un dato è comunque interessante.
in determinati casi, spiagge che di notte si rivelano impraticabili a causa delle alghe, nelle ore diurne si presentano completamente pulite; oppure – ma non è diversa come considerazione – ciò che di giorno identifichiamo ammassi galleggianti facilmente affrontabili, di notte si addensano e appesantiscono, distribuendosi uniformemente fino a raggiungere il fondale, impedendo, di fatto, una corretta azione di pesca.
E ciò, indipendentemente dal cambio di marea che, come ben sappiamo, acuisce o diminuisce notevolmente il problema.

Le possibilità.
Parlando sempre di ore diurne, altro elemento da non sottovalutare è l’attività delle varie specie.
Se da una parte scompare di scena il grongo, dall’altra lo segue il sarago, principe dell’onda e preda tipica del Surf notturno.
La sua cattura sarà dunque sporadica e occasionale, quasi improbabile soprattutto in quegli spot che non presentano caratteristiche ben definite (tipo Pocket Beach o fondali misto rocciosi, con accertata presenza di stanziali).
Particolare, invece, il comportamento di spigole e mormore.
Per quanto riguarda la prima, da buona cacciatrice meteopatica qual è, non ha particolari problemi a ricercare il cibo tra la schiuma anche di giorno.
La sua cattura, dunque, non è sporadica, né casuale; bisogna crederci e tentarla, ma meglio se in concomitanza di un cielo velato e instabilità barica.
Per le seconde invece, accade un fenomeno strano.
Diminuisce in percentuale ma le, poche, catture saranno sempre di dimensioni molto interessanti e, è qui il dato strano, attaccheranno finali ed esche dedicati ad altre prede ed, eufemisticamente, non proprio tradizionali.
Aumentano le possibilità di incontrare qualche razza di taglia come anche qualche altro predatore, come la tanto desiderata leccia amia.

Spot, esche e travi.
Un quadro siffatto, evidentemente, porterà lo scer a pianificare la battuta scegliendo, con molta oculatezza, spiagge ed esce appropriate alla situazione.
Riguardo alla spiaggia, scartati i lunghissimi spiaggioni a bassissima energia, saranno da preferire quelle spiaggie a energia medio/alta, possibilmente in prossimità di qualche foce.
Un’alternativa valida, sebbene più complessa da decifrare, è la spiaggia a fondale misto di dimensioni medio/piccole e incastonata tra alti promontori, da affrontare con lanci mirati nelle buche alla ricerca del pesce stanziale.
Basilare è anche la corretta scelta su dove allestire la postazione.
Parlando di spiagge d lunghezza non indifferente, Il canalone o la punta del centro spiaggia – scelta classica delle ore notturne – cede il passo alle postazioni laterali, situate ai margini dell’arenile ed in corrispondenza degli anfratti rocciosi che ne delimitano l’ampiezza.
Il perchè, probabilmente, è da ricercare nel diverso approccio all’alimentazione delle varie specie che, a differenza di quanto fanno durante la notte, preferiscono muoversi lentamente ed in un perimetro molto ristretto.
Parlando di esche, quelle maggiormente sanguigne e molto proteiche si rivelano, in questo caso, più efficaci rispetto a quelle bianche, probabilmente a causa della maggiore componente olfattiva che le contraddistingue.
La scelta, dunque, ricadrà su un buon assortimento di tranci ricchi di grassi e oli, come sarde e sugarelli.
Per completare potremmo aggiungere un buon anellide e qualche bivalve.
Se non vogliamo lasciare nulla di intentato, è questo il caso in cui il cannolicchio può dare il masismo.
Nonostante il colore perlaceo, ha un forte profumo ed è gradito alla maggior parte delle specie insidiabili.

Impostazione e travi.
Mantenendoci su linee molto generali, l’impostazione prevede l’utilizzo di almeno una coppia di attrezzi da far lavorare a distanze differenti.
Il primo, montato e puntato in direzione della foce lavorerà ad una distanza medio corta, ricercando la preda nella prima fascia di pascolo.
È questa la situazione in cui, finalmente, potremo concederci il lusso di lungo finale montato in prossimità del piombo e innescato con un bel trancio, senza preoccuparci che qualche grongo renda vana l’insidia.
Con l’altro attrezzo, ci cureremo invece della ricerca sulla distanza che sarà veramente notevole grazie alla luce che, com’è noto, alleggerisce e snellisce il gesto del lancio, soprattutto per chi utilizza i rotanti.
In questo caso, ottimi alleati saranno, da una parte il Pezzetto Domiziano, che unisce mobilità al finale pur non perdendo in aerodinamicità; dall’altro il Paternoster, da preferire in versione con finali lunghi, da innescare con esche differenti per aumentare le possibilità id cattura.
È intuitivo che, la dinamica della battuta sarà più rilassante rispetto a quella di una classica notturna, con attese più lunghe ma sicuramente meno snervanti.
Assenti del tutto granchi e minutaglia – che, durante la notte, non danno tregua ai poveri inneschi e fanno saltare i nervi anche ai più pazienti – la cadenza di lancio e recupero, sarà più umana e meno impegnativa, stabilita, soprattutto, dalla durata dell’efficienza dell’esca in acqua.

Night & Day o Day & Night?
Da quanto appena detto, possiamo affermare con una certa serenità che, pescare di giorno si può.
Ma questo non può, e non deve, significare che la soluzione notturna sia da mandare in pensione nella sua totalità.
È più plausibile, a mio modesto avviso, che le due soluzioni vadano fuse insieme, permettendoci di poter pianificare – seguendo le tavole di marea, le perturbazioni e le loro evoluzioni, e le altre tante variabili – una battuta che interessi almeno due cambi di marea e che segua anche l’evolversi della perturbazione.
Il tutto, compreso nell’arco di almeno dodici ore (ma potrebbero essere qualcuna in più), che possono partire, dall’alba e concludersi qualche ora oltre il tramonto.
Del resto, se l’alba ha da sempre riservato qualche sorpresa allo scer ormai stremato da un’intera notte passata a guardare le cime, non si vede il perché l’iter non debba esser invertito, pur mantenendo, di fatto, le stesse potenzialità.
A conti fatti, pur non essendo poche ore, sono tante quante ne richiederebbe una battuta di notte.
Ma, a differenza di quest’ultima, la stanchezza sarà più affrontabile, rimarremo sempre con una buona riserva di energie per affrontare il viaggio di ritorno e, dato certamente da non sottovalutare, alleggerirà di molto il generale malcontento di mogli, fidanzate e familiari, nonché noi stessi e la nostra coscienza per averli abbandonati un’intera notte.
Emanuele Velardita.



|
 
NEWS DI AGOSTO




La Corvina

Album fotografico anno 2017
EBAY


DISCUSSIONI RECENTI


ANSA NEWS


MAPPA DEL SITO


Home | Il Sarago nel Surf Casting | La Tenuta al Moto Ondoso | Long Arm clippato by GCB | Pocket Beach | Tempesta Perfetta | I magnifici 5 | Coaster in Nylon occhio al taglio | Scelta della postazione | I piombi nel Surfcasting | Il Fluocarbon nel Surfcasting | Primi approcci - configurazione rotante | Sfielttatore e Filo Elastico | Night and Day | I travi da pesca | Lo Shock Leader | Scelta Attrezzatura - Citazioni 1º | Condimeteo 3 | Condimeteo 2 | Condimeteo 1 | La Mareggiata | Obbiettivo Spigola! | Pelagici da riva... | Orate nel tirreno | Questioni di piombo | Maver Elite 190 | Daiwa 6 HM | Italcanna Fireball S1 | Penn 525 xtra Mag | Century Tornado Match and Sport | Century Tornado lite | Penn serie 525 | Ami, disaminiamo... | TRIO Compact BadBass Technology | SHIMANO BIOMASTER GTX 8000 | Zaino da pesca Fisherbagstore | Manutenzione dei mulinelli | Costruiamo un lead lift | Barretta conversione 6hm | Realiz. stampi cono-piramide 2º | Il Porta finali | Realiz. stampi cono-piramide 1º | Fonderia Cataudo | Modifica zaino FisherbagStore | Lo Sparviero, snodo multifunzionale | Bait Clip | Terminale per il Serra | Costruiamo il Bait Clip | Risparmiamo sui floater! | Stopper alternativo | Recuperiamo i floater | Prolunga del paletto | Costruzione del paletto | Cuscinetti | Oli e Lubrificazione | Costruzione di una palla da lancio | La meccanica dei freni magnetici | Daiwa Millionaire Tournament 7HT | Conversione AMBASSADEUR da cl a ct | Il sistema mag dei rotanti | Analisi rotture canne durante il lancio | Cenni storici, tributo a Lievanais | Guida all uso del rotante | Gli ami  | Daiwa Sealine 30 H | Teleferica: innesco del vivo | Gronghi and co. | La teleferica | Sostituzione boccole per il fisso | Piombo a perdere | 2 Ami per il vivo | Il Galleggiante ascensore | La Cassetta da Pesca | Il Mulinello a Bobina Fissa | Surf fishing e Beachledgering | Mormore, mormore, mormore... | Innescare il pastone | Il pastone | Cefalara Messinese | Come modificare una canna  | Rod Dryer fai da te | Composizione di uno starlight | Pasturatori Pesanti | Segnalatore d abboccata | Divergente per piombo scorrevole | Costruiamo un Tripode... | Stendi finali | Eging | Spinner Bait | Ritorno al Passato | GOMMA E SEABASS | Tabelle di Conversione | Lo Spinning | Freddo da Calamari | Alice s minnow 175 di Bluspin | Max Rap | Minnow Hart | Minnow  | Minnow Youzuri | Minnonw Sakai Lures | Wood n sunfish | Cranky-m | Wood n slither | V-Crank | Midive minnow | Live popper | Wood n minnow | Moran pencil | Dumbbell popper | V-Joint | Bubble popper | Artificiali: Top water and Minnow | Testa piombata con paletta per esche siliconiche | Anelli faidate | Imbobinatore fai da te | Autocostr. manico anna da spinning 2º | Spinner bait parte 2° | Spinner bait parte 1° | Come legare un anello | Jig da mare parte 2° | Jig da mare parte 1° | Anellatura Artificiali | Autocostr. manico canna da spinning | Alternativa legatura piume | A prova di martello | Rattlins fai da te | Filosa per alaccia (lana) | Filosa per alaccia (silicone) | Il salva esche artificiali | Pesca all’aguglia con la bombarda | Misurare il Fondale | Galleggiante e pasturatore 2°Parte | Galleggiante e pasturatore | Reggicanna da banchina | Appendici reggicanna | La Pastura | Pescare all Inglese | La Tecnica della Bolognese | La bombarda | Taratura dei gallegianti | Galleggianti da Inglese | Galleggianti da Bolognese | Il Cavalletto | Piombatura a scalare per lenza a mano | Gli ami per la traina | La canna da Traina | Traina e Battere il Calamaro | L alaccia reperimento e innesco | La Piombatura Frazionata  | L aguglia reperimento e innesco  | Il mulinello da traina | Traina alla Leccia Amia | Traina al Dentice | Equilibrare un artificiale | Artificiali da traina | Piombi per la traina | Come agganciare il piombo guardiano | Traina con piombo guardiano | Traina alle aguglie | Traina di profonditá con il Monel | Traina di Profondità, Affondatore o Downrigger | Everol T-SHOT 20 | SGANCIO RAPIDO QUICK RELEASE | SGANCIO RAPIDO | Sgancio Rapido Per il Piombo Guardiano | Il Piombo a sgancio rapido faidate | Costruzione terminale per il vivo 2º | Costruzione terminale per il vivo 1º | La vasca per il vivo | Traina da terra: Il barchino | Palamito a vela var. trapanese | Pesca con la Caloma 2º | Pesca con la Caloma 1º | Pesca al Pagro nello Stretto di Messina | A Saraghi col palamito | Il vertical jigging | Il Fasolare | Lo Sgombro | Cannolicchio | Oloturia e sua preparazione | Sugarello | Bibi (Spinculus nudus) | Bigattino | Travi | Esplosi | Nodi | La Corvina | La Cernia | Il Cefalo | La Boga | Alletterato | Aguglia | Alalunga | La Lampuga | La biologa risponde | Risposta per mimmop67 | Capo Peloro (ME) | Marina di Melilli | Spinesante (ME) | Santa Croce Camerina (RG) | Penisola Magnisi | Caponegro | Ognina di Siracusa | Catania: dalla Playa al porto di Ognina | Reports | Uno,due,tre...Serra! | Estate da sogno | A traina in cerca di emozioni | Aiolata | Il saragone | Quattro siculi in trasferta | Rotolando verso sud... | Il mio solito sauro... | Scaduta bellissima | Sabato di spettacolo! | A Spinning con Rocco | A pesca con Rocco! | Un amore di Cappotto | Blitz a Mortelle (ME) | Pescata a Lipari | Storia di un amore (Love fishing) | Sciroccata amara | Patti, fastidioso vento laterale! | Un tranquillo week-end di pesca | Events | Evento del 26/05/2006 | Evento del 30/09/2006 | Evento del 20/01/2007 | Evento del 19/05/2007 | Evento del 23/08/2007 | Evento del 14/10/2007 | Evento del 27/10/2007 | Evento del 17/05/2008 | Evento del 25/10/2008 | Evento del 28/03/2009 | Evento del 22/11/2009 | Evento del 03/07/2010 | Evento del 17/10/2010 | Evento del 08/05/2011 | Evento del 20/10/2013 | Evento del 09/02/2014 | Evento del 04/04/2015 | Evento del 04/05/2015 | Evento del 04/06/2015 | Evento del 04/07/2015 | Album fotografico anno 2005 | Album fotografico anno 2006 | Album fotografico anno 2007 | Album fotografico anno 2008 | Album fotografico anno 2009 | Album fotografico anno 2010 | Album fotografico anno 2011 | Album fotografico anno 2012 | Album fotografico anno 2013 | Album fotografico anno 2014 | Album fotografico anno 2015 | Album fotografico anno 2016 | Album fotografico anno 2017 | Paesaggi | Meteo | Downloads | Video | Links | Chat | Forum | Facebook | Contatti | Copyright
Booking.com
Pescare in Sicilia per i tuoi soggiorni consiglia: PrenotareinSicilia | PrenotareinItalia | PrenotareinEuropa
Pescare in Sicilia
All rights reserved
2006-2016
Risoluzione minima consigliata
1280x800

FORUM



Litorale di San Saba - Messina
LINK SUGGERITI


DOMENICO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
Siamo Online
da 4162 giorni, 1 ore e 11 minuti
Agrigento Caltanissetta Catania
Enna Messina Palermo
Ragusa Siracusa Trapani

Cefalu Taormina Isole Eolie
GOOGLE



Web pescareinsicilia.it

CICCIO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
CONTATTACI


Nome

Email

Testo


FABRIZIO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it

www.itineraridipesca.it

TOPSITE PESCA DEPORTIVA


Ultimo aggiornamento
2/05/17 10:00

Google+