ARTICOLI
 
Luglio 2007
Il sistema mag dei rotanti
Emanuele Velardita da Caltanissetta




La regolazione del Mag è ovviamente appannaggio personale del lanciatore, della sua esperienza e dalle personali convinzioni.
Al limite, per il neofita esistono sempre le immarcescibili lezioni di Pugnax e del Dott. L.Rager testo sacro sulla configurazione del rotante.
Ma è riguardo al suo funzionamento che esiste molta confusione ed ignoranza, sebbene a torto poiché basterebbe un piccolo bagno d’umiltà e andare a cercare lumi da qualche amico appassionato di fisica (..e se non c’è….bhè, c’è sempre internet pronto a risolvere qualsiasi problema).
È questo ciò che è stato fatto dallo scrivente in passato – nel momento in cui le “eufemisticamente” bislacche spiegazioni di piccoli e grandi maghi del mag non convincevano – e i risultati delle “ricerche” rappresentano il nucleo essenziale di questo articolo.
Quindi, per una, volta non si parlerà di configurazioni ed imbobbinamento (..e me ne guarderei bene, visto l’approssimatezza in cui navigo in questo campo) , ma si cercherà – si spera in maniera semplice, chiara e pratica – di considerare il Mag non tanto per “come si usa” quanto per “come funziona”.
La legge di Lenz, Faraday e Neumann afferma che "una variazione del flusso di campo magnetico, ai capi di un conduttore, crea una forza elettromotrice indotta che si oppone alla causa che l'ha creata". Sembra difficile ma è una cosa semplice infatti sui nostri mulinelli abbiamo:
1) la bobina (il conduttore);
2) il freno magnetico (il campo magnetico):
3) La variazione di flusso (Affinchè si crei una variazione di flusso di campo magnetico sulla bobina, basta farla girare in prossimità del freno magnetico).
Possiamo cioè assimilare la bobina di un mulinello, al conduttore di cui parla la legge (se realizzata in materiale conduttore di elettricità tipo l'alluminio). Quando lanciamo la bobina gira vicino ad un magnete (quelli/o del nostro freno magnetico) quindi varia il flusso di campo magnetico sulla bobina. Sulla bobina si crea una corrente elettrica che la attraversa. Poichè per la legge di Lenz la corrente si oppone alla causa che l'ha creata, la bobina tende a rallentare
Applichiamo quanto su esposto al rotante e scopriamo che il Mag, agendo sulle correnti generate dalla bobina in rotazione, stabilizza la rotazione di quest’ultima, evitando il fuori giri e il conseguente rilascio indesiderato di spire in più (la parrucca n.d.a.).
Quanto detto, serve da solo a destituire di ogni valore ed interesse tanto quelle teorie che vogliono l’azione del magnete indirizzata direttamente – come forza magnetica – sul metallo della bobina (o, addirittura, del cuscinetto), quanto quelle che considerano continua la sua attrazione nei confronti dell’uno o dell’altro degli elementi; infatti, senza rotazione il magnete non ha alcuna funzione utile e rimane completamente passivo e la sua attività si sviluppa con la rotazione ingenerata nella bobina nel lancio.
Andando oltre nella spiegazione del fenomeno, bisogna considerare che l’incidenza del magnete sulla rotazione non è costante ma varia al variare di determinate circostanze, ovvero: la sua potenza; la sua distanza dal rotore; la velocità della bobina.
Se per le prima due variabili, c’è ben poco da definire, essendo ovvia l’incidenza diversa di un magnete posto più o meno vicino al generatore o di un magnete più o meno potente rispetto ad un altro, relativamente alla velocità della bobina bisogna certamente fare un breve punto della situazione.
Non corrisponde al vero, come sostenuto in passato da qualcuno, che l’intensità del flusso generato dal rotore sia costante; questo varia al variare della velocità raggiunta ed la relazione tra velocità e intensità si pone in termini di diretta proporzionalità (per comprendere in pieno l’assunto, basti pensare alla dinamo e a come riesce a generare più corrente quanto più veloce è la pedalata
Questa variabile, ha conseguenze importanti sul funzionamento del Mag e soprattutto sulla sua reale funzionalità. Infatti, se il magnete non risulta opportunamente proporzionato il sistema frenante che ne deriva potrebbe risultare eccessivamente forte (frenando eccessivamente la bobina) o eccessivamente blando (dando scarso contributo al rallentamento della bobina).
Del resto, se così non fosse, non ci sarebbe alcun motivo per cui il mag debba avere un apposito sistema di regolazione, così come non ci sarebbe alcun motivo per cui alcuni lanciatori dopo la chiusura del lancio (momento in cui la bobina prende la massima accelerazione), si premurano ad agire sul pomello di regolazione del sistema magnetico, allentandolo gradatamente per evitare che drastiche perdite di velocità dovute ad un mag troppo presente, e quindi troppo frenante, possa compromettere il buon risultato del lancio.
Tenete presente che man mano che il mulinello si svuota diminuisce sempre di più il problema dell'overrun. Infatti dopo aver lanciato si riduce il diametro della bobina e, per ogni giro di quest'ultima, viene ceduto sempre meno filo. Per lanci di una certa portata infatti, superata la metà della parabola che compie il piombo, dovrebbe essere possibile diminuire drasticamente il contributo del magnete (e al limite azzerarlo del tutto) senza problemi di overrun (ma qui bisogna chiedere a qualche bravo longcaster).
Conclusioni
Dalla sua introduzione, il sistema di frenatura magnetico è diventato un insostituibile alleato nella configurazione del rotante.
Pratico e semplice nel suo utilizzo, permette, di fatto, di adattare la velocità di rilascio del filo – e quindi la velocità della bobina – alla tante situazioni che si possono presentare, sia in pedana che in pesca, mantenendo sempre la stessa lubrificazione e indipendentemente dall’utilizzo del centrifugo.
Lo troviamo di serie in molti modelli di rotanti dedicati al casting come al lancio tecnico e alla pesca da spiaggia, con diversi sistemi di regolazione progettazione; giusto per fare degli esempi: monomagnetico con regolazione a T con vite a passo senza fine (tipico del Penn 525); multimagnetico con regolazione a leva a scatti.
Esistono anche le modifiche per montare il Mag su quei rotanti che non ne sono forniti (come alcuni modelli Abu o il 7ht della daiwa).
Riguardo a queste ultime, preme ricordare che il sistema di frenatura magnetico è qualcosa di tanto semplice nel funzionamento quanto complesso nella progettazione, dovendosi calcolare sia l’incidenza del magnete che il flusso massimo generato dalla bobina, la distanza a cui il magnete è completamente e realmente azzerato e quella minima in cui il magnete ha la maggior forza frenante e tanto altro ancora.
Ciò sta a significare che, se si opta per l’acquisto di una modifica artigianale, questa dovrebbe esser scelta con attenzione e competenza, per evitare inutili perdite di danaro e, nei casi più gravi, danni irreparabili al mulinello.
Un'ultima nota.
Prima di sostituire il freno montato di serie sugli Abu con altri di dubbia provenienza e funzionalità o snaturarlo cambiando i magneti o escludendone alcuni in maniera del tutto inopinata, riflettete sempre sul fatto che, dietro a quella leva a scatti, c’è sempre un nutrito gruppo di gente che lavora e studia affinché quella leva faccia il suo lavoro nella maniera più egregia possibile.
Qualcuno obietterà certamente dicendo che la progettazione è indirizzata ad una regolazione sul “sicuro”, il mulinello è lento comunque, leva metri ecc..ecc..
La risposta a questo “Qualcuno” :
“Verissimo…ma non tutti hanno la tua capacità e la sostituzione di un mag non fa miracoli, ma, in certe situazioni, serve solo a complicare le cose”.
SI RINGRAZIA SALVOD PER LA COLLABORAZIONE E LA DISPONIBILITA' DIMOSTRATA PER UNA STESURA CORRETTA DELL'ARTICOLO



|
 
NEWS DI OTTOBRE




La Corvina

Album fotografico anno 2017
EBAY


DISCUSSIONI RECENTI


ANSA NEWS


MAPPA DEL SITO


Home | Il Sarago nel Surf Casting | La Tenuta al Moto Ondoso | Long Arm clippato by GCB | Pocket Beach | Tempesta Perfetta | I magnifici 5 | Coaster in Nylon occhio al taglio | Scelta della postazione | I piombi nel Surfcasting | Il Fluocarbon nel Surfcasting | Primi approcci - configurazione rotante | Sfielttatore e Filo Elastico | Night and Day | I travi da pesca | Lo Shock Leader | Scelta Attrezzatura - Citazioni 1º | Condimeteo 3 | Condimeteo 2 | Condimeteo 1 | La Mareggiata | Obbiettivo Spigola! | Pelagici da riva... | Orate nel tirreno | Questioni di piombo | Maver Elite 190 | Daiwa 6 HM | Italcanna Fireball S1 | Penn 525 xtra Mag | Century Tornado Match and Sport | Century Tornado lite | Penn serie 525 | Ami, disaminiamo... | TRIO Compact BadBass Technology | SHIMANO BIOMASTER GTX 8000 | Zaino da pesca Fisherbagstore | Manutenzione dei mulinelli | Costruiamo un lead lift | Barretta conversione 6hm | Realiz. stampi cono-piramide 2º | Il Porta finali | Realiz. stampi cono-piramide 1º | Fonderia Cataudo | Modifica zaino FisherbagStore | Lo Sparviero, snodo multifunzionale | Bait Clip | Terminale per il Serra | Costruiamo il Bait Clip | Risparmiamo sui floater! | Stopper alternativo | Recuperiamo i floater | Prolunga del paletto | Costruzione del paletto | Cuscinetti | Oli e Lubrificazione | Costruzione di una palla da lancio | La meccanica dei freni magnetici | Daiwa Millionaire Tournament 7HT | Conversione AMBASSADEUR da cl a ct | Il sistema mag dei rotanti | Analisi rotture canne durante il lancio | Cenni storici, tributo a Lievanais | Guida all uso del rotante | Gli ami  | Daiwa Sealine 30 H | Teleferica: innesco del vivo | Gronghi and co. | La teleferica | Sostituzione boccole per il fisso | Piombo a perdere | 2 Ami per il vivo | Il Galleggiante ascensore | La Cassetta da Pesca | Il Mulinello a Bobina Fissa | Surf fishing e Beachledgering | Mormore, mormore, mormore... | Innescare il pastone | Il pastone | Cefalara Messinese | Come modificare una canna  | Rod Dryer fai da te | Composizione di uno starlight | Pasturatori Pesanti | Segnalatore d abboccata | Divergente per piombo scorrevole | Costruiamo un Tripode... | Stendi finali | Eging | Spinner Bait | Ritorno al Passato | GOMMA E SEABASS | Tabelle di Conversione | Lo Spinning | Freddo da Calamari | Alice s minnow 175 di Bluspin | Max Rap | Minnow Hart | Minnow  | Minnow Youzuri | Minnonw Sakai Lures | Wood n sunfish | Cranky-m | Wood n slither | V-Crank | Midive minnow | Live popper | Wood n minnow | Moran pencil | Dumbbell popper | V-Joint | Bubble popper | Artificiali: Top water and Minnow | Testa piombata con paletta per esche siliconiche | Anelli faidate | Imbobinatore fai da te | Autocostr. manico anna da spinning 2º | Spinner bait parte 2° | Spinner bait parte 1° | Come legare un anello | Jig da mare parte 2° | Jig da mare parte 1° | Anellatura Artificiali | Autocostr. manico canna da spinning | Alternativa legatura piume | A prova di martello | Rattlins fai da te | Filosa per alaccia (lana) | Filosa per alaccia (silicone) | Il salva esche artificiali | Pesca all’aguglia con la bombarda | Misurare il Fondale | Galleggiante e pasturatore 2°Parte | Galleggiante e pasturatore | Reggicanna da banchina | Appendici reggicanna | La Pastura | Pescare all Inglese | La Tecnica della Bolognese | La bombarda | Taratura dei gallegianti | Galleggianti da Inglese | Galleggianti da Bolognese | Il Cavalletto | Piombatura a scalare per lenza a mano | Gli ami per la traina | La canna da Traina | Traina e Battere il Calamaro | L alaccia reperimento e innesco | La Piombatura Frazionata  | L aguglia reperimento e innesco  | Il mulinello da traina | Traina alla Leccia Amia | Traina al Dentice | Equilibrare un artificiale | Artificiali da traina | Piombi per la traina | Come agganciare il piombo guardiano | Traina con piombo guardiano | Traina alle aguglie | Traina di profonditá con il Monel | Traina di Profondità, Affondatore o Downrigger | Everol T-SHOT 20 | SGANCIO RAPIDO QUICK RELEASE | SGANCIO RAPIDO | Sgancio Rapido Per il Piombo Guardiano | Il Piombo a sgancio rapido faidate | Costruzione terminale per il vivo 2º | Costruzione terminale per il vivo 1º | La vasca per il vivo | Traina da terra: Il barchino | Palamito a vela var. trapanese | Pesca con la Caloma 2º | Pesca con la Caloma 1º | Pesca al Pagro nello Stretto di Messina | A Saraghi col palamito | Il vertical jigging | Il Fasolare | Lo Sgombro | Cannolicchio | Oloturia e sua preparazione | Sugarello | Bibi (Spinculus nudus) | Bigattino | Travi | Esplosi | Nodi | La Corvina | La Cernia | Il Cefalo | La Boga | Alletterato | Aguglia | Alalunga | La Lampuga | La biologa risponde | Risposta per mimmop67 | Capo Peloro (ME) | Marina di Melilli | Spinesante (ME) | Santa Croce Camerina (RG) | Penisola Magnisi | Caponegro | Ognina di Siracusa | Catania: dalla Playa al porto di Ognina | Reports | Uno,due,tre...Serra! | Estate da sogno | A traina in cerca di emozioni | Aiolata | Il saragone | Quattro siculi in trasferta | Rotolando verso sud... | Il mio solito sauro... | Scaduta bellissima | Sabato di spettacolo! | A Spinning con Rocco | A pesca con Rocco! | Un amore di Cappotto | Blitz a Mortelle (ME) | Pescata a Lipari | Storia di un amore (Love fishing) | Sciroccata amara | Patti, fastidioso vento laterale! | Un tranquillo week-end di pesca | Events | Evento del 26/05/2006 | Evento del 30/09/2006 | Evento del 20/01/2007 | Evento del 19/05/2007 | Evento del 23/08/2007 | Evento del 14/10/2007 | Evento del 27/10/2007 | Evento del 17/05/2008 | Evento del 25/10/2008 | Evento del 28/03/2009 | Evento del 22/11/2009 | Evento del 03/07/2010 | Evento del 17/10/2010 | Evento del 08/05/2011 | Evento del 20/10/2013 | Evento del 09/02/2014 | Evento del 04/04/2015 | Evento del 04/05/2015 | Evento del 04/06/2015 | Evento del 04/07/2015 | Album fotografico anno 2005 | Album fotografico anno 2006 | Album fotografico anno 2007 | Album fotografico anno 2008 | Album fotografico anno 2009 | Album fotografico anno 2010 | Album fotografico anno 2011 | Album fotografico anno 2012 | Album fotografico anno 2013 | Album fotografico anno 2014 | Album fotografico anno 2015 | Album fotografico anno 2016 | Album fotografico anno 2017 | Paesaggi | Meteo | Downloads | Video | Links | Chat | Forum | Facebook | Contatti | Copyright
Booking.com
Pescare in Sicilia per i tuoi soggiorni consiglia: PrenotareinSicilia | PrenotareinItalia | PrenotareinEuropa
Pescare in Sicilia
All rights reserved
2006-2016
Risoluzione minima consigliata
1280x800

FORUM



Litorale di San Saba - Messina
LINK SUGGERITI


NINO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
Siamo Online
da 4221 giorni, 12 ore e 17 minuti
Agrigento Caltanissetta Catania
Enna Messina Palermo
Ragusa Siracusa Trapani

Cefalu Taormina Isole Eolie
GOOGLE



Web pescareinsicilia.it

MARCOAG



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
CONTATTACI


Nome

Email

Testo


GABRIELE



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it

www.itineraridipesca.it

TOPSITE PESCA DEPORTIVA


Ultimo aggiornamento
2/05/17 10:00

Google+