ARTICOLI
 
Aprile 2010
Il Galleggiante ascensore
Nello Cataudo







Più che di una tecnica si tratta di una montatura, da utilizzare nella pesca a fondo, nelle zone a forte rischio d’incaglio, quando non si vuole rinunciare al terminale scorrevole con amo finale e piombo montato coassialmente sul trave. L’ho vista impiegare per la prima volta parecchi anni fa nella pesca in acque interne, per opera di un mio occasionale compagno di battuta. Mi colpì così tanto per la sua semplicità ed efficacia, che da allora decisi di utilizzarla ogni qualvolta le circostanze lo avrebbero suggerito.

Cenni “storici”
Per comprenderne le potenzialità, torniamo un attimo indietro negli anni, per vedere quali erano le modalità e i relativi scenari d’impiego.
In Sicilia non abbiamo certamente i grandi fiumi e laghi dell’Italia settentrionale. La pesca in acque interne viene praticata per lo più all’interno degli invasi artificiali delle dighe. Il fondale è costellato da tutto quello che in origine caratterizzava il tipico ambiente rurale non ancora sommerso dalle acque: cespugli, alberi di medio ed alto fusto, muretti a secco, e persino caseggiati. Per la pesca a fondo alle carpe era di grande efficacia il terminale scorrevole con amo finale e zavorra montata sul trave. Si andava a lanciare soltanto in quelle aree note, dove il fondo non presentava le micidiali insidie d’incaglio sopra descritte. Pur tuttavia il rischio rimaneva lo stesso, e le rotture erano parecchio frequenti nell’arco di una battuta. Pur impiegando il temolino non si riusciva ad eliminare del tutto i rischi perchè, quando lo si scalzava dal fondo, la traiettoria descritta in acqua era pur sempre un pò inclinata nel senso orizzontale, almeno nella fase iniziale, e qualcosa si poteva sempre impigliare intorno all’amo.
Sin dalla prima esperienza con il galleggiante ascensore ebbi modo di constatare che questa problematica era scomparsa: infatti, con esso si aveva un’ascensione quasi retta del gruppo piombo/terminale in fase di ferrata e, ciliegina sulla torta, durante le abboccate, mi segnalava che il pesce se la stava svignando con l’esca, ancor prima di aver messo in trazione il cimino della canna.
Dopo un paio d’anni pensai di applicare questa montatura anche in mare. Volgendo la mente alle potenziali prede, in particolare a quelle sospettose, che si nutrono a fondo, mi venne in mente l’orata. Per gli ipotetici scenari d’impiego pensai ai vari fondali di misto sabbia/rocce o sabbia/posidonia dove, se si ha quantomeno una mezza idea del fondale dove si lancia, non si sa certamente cosa l’amo possa incontrare quando si ritira. Un altro posto dove ho applicato con successo la montatura è l’interno dei porti, che tante volte presenta vegetazione sommersa e ostacoli di vario genere, quali cime ed altro ancora.

Materiali:
Altro non occorre che un piccolo galleggiante, in sughero, a forma di ovetto. E’ però molto importante che sia di fattura grossolana ed economica, in quanto deve essere “pesante” abbastanza riguardo al volume. Mi spiego meglio: dato che il galleggiante verrà montato scorrevole sul trave, se non ha un peso specifico elevato (cosa che non hanno i galleggianti in balsa o polistirolo), è quasi sicuro che durante il volo, a causa dell’attrito con l’aria, rimanga indietro rispetto al gruppo terminale/girella/piombo e, quando questi vanno ad impattare sull’acqua, esso non si troverà esattamente sulla loro verticale. In tale circostanza l’effetto ascensore non funziona a dovere.
Il galleggiante che preferisco utilizzare è quello raffigurato in foto. Misura circa 35mm di diametro e 50mm di lunghezza. Questo si accoppia perfettamente con piccoli piombi di 30-40g. La forma di zavorra che meglio si adatta a quest’impiego è la sfera. Tenete conto che per grammature superiori è consigliabile accoppiare un galleggiante di dimensioni maggiori.

Preparazione del calamento
Rimuovere l’astina al galleggiante per utilizzarlo scorrevole. Inseritelo sul trave con la parte rastremata rivolta verso il basso. Seguirà il piombo a sfera, un tubetto salvanodo (se vogliamo), ed una piccola girella per bloccare il tutto. A questa andremo a fissare il terminale di lunghezza voluta (100-150cm) con un amo di forma e grandezza in relazione alle prede che vogliamo insidiare, e al volume delle esche da innescare

L’azione di pesca
Si svolge come una normalissima pesca a fondo, solo che la disposizione della lenza è alquanto insolita: l’esca viene presentata con il terminale disteso sul fondo, solo che al di là del piombo, il trave, anziché descrivere quell’ampio arco di parabola sino alla canna, si indirizzerà invece in direzione del galleggiante posto sulla sua verticale, e da questo poi verso il cimino.
E’ opportuno fare un cenno sulla tecnica del lancio da adottare per questo tipo di montatura:
E’ sconsigliabile eseguire lanci violenti e tesi. Occorre lanciare descrivendo una traiettoria ad ampio arco di parabola in modo che, quando il gruppo zavorra/galleggiante impatterà sulla superficie dell’acqua, vi dovrà arrivare abbastanza in verticale.
Può accadere di vedere sparire inizialmente il tutto sott’acqua, in quanto il terminale può essersi aggrovigliato per qualche giro intorno al galleggiante, ma basta attendere giusto una manciata di secondi, o dare magari una leggera scrollata con la canna che tutto va a sistemarsi in posizione di lavoro.
Dopo aver visto affiorare il galleggiante, si può dare magari leggermente un ulteriore strattone, per far distendere meglio il finale sul fondo. Mettiamo poi appena in trazione la lenza. Se avremo esagerato, il galleggiante tenderà ad affondare. Avremo raggiunto la tensione ideale, quando esso sarà ben visibile sulla superficie dell’acqua, e il tratto di lenza fino alla canna sarà leggermente in bando.
Nell’attimo in cui qualche pesce dovesse ingoiare l’esca e allontanarsi, si noterà il galleggiante prima spostarsi sul pelo dell’acqua e poi affondare, o affondare improvvisamente. Solo in un secondo momento la trazione esercitata dalla preda si trasmetterà al cimino. Nel caso teniamo la lenza un po’ di più in bando, l’utilizzo del galleggiante ascensore è anche un ottimo stratagemma per essere pronti a ferrare prima che il pesce avverta qualche resistenza e sputi fuori il tutto.
Ovviamente vi sono delle tecniche, più raffinate, che meglio si adattano ad insidiare i pesci sospettosi, come l’inglese e la bolognese. Con queste si hanno però alcune limitazioni: dover impiegare un esiguo diametro di monofilo, la massima distanza di lancio raggiungibile, e la continua misurazione del fondo (se intendiamo esplorare vari tratti di fondale non uniforme).
Con l’amo sempre adagiato sul fondo, pur nella sua grossolanità, l’espediente del galleggiante ascensore ci assicura in ogni caso che, all’istante della ferrata o ritiro della lenza, questo sarà recuperato con una traiettoria perfettamente verticale.
Per qualche euro scarso di spesa, vi invito tutti a provare, e poi magari ne riparliamo, per eventuali suggerimenti e valutazioni, sulle pagine del nostro amato Forum.



|
 
NEWS DI GIUGNO




La Corvina

Album fotografico anno 2017
EBAY


DISCUSSIONI RECENTI


ANSA NEWS


MAPPA DEL SITO


Home | Il Sarago nel Surf Casting | La Tenuta al Moto Ondoso | Long Arm clippato by GCB | Pocket Beach | Tempesta Perfetta | I magnifici 5 | Coaster in Nylon occhio al taglio | Scelta della postazione | I piombi nel Surfcasting | Il Fluocarbon nel Surfcasting | Primi approcci - configurazione rotante | Sfielttatore e Filo Elastico | Night and Day | I travi da pesca | Lo Shock Leader | Scelta Attrezzatura - Citazioni 1º | Condimeteo 3 | Condimeteo 2 | Condimeteo 1 | La Mareggiata | Obbiettivo Spigola! | Pelagici da riva... | Orate nel tirreno | Questioni di piombo | Maver Elite 190 | Daiwa 6 HM | Italcanna Fireball S1 | Penn 525 xtra Mag | Century Tornado Match and Sport | Century Tornado lite | Penn serie 525 | Ami, disaminiamo... | TRIO Compact BadBass Technology | SHIMANO BIOMASTER GTX 8000 | Zaino da pesca Fisherbagstore | Manutenzione dei mulinelli | Costruiamo un lead lift | Barretta conversione 6hm | Realiz. stampi cono-piramide 2º | Il Porta finali | Realiz. stampi cono-piramide 1º | Fonderia Cataudo | Modifica zaino FisherbagStore | Lo Sparviero, snodo multifunzionale | Bait Clip | Terminale per il Serra | Costruiamo il Bait Clip | Risparmiamo sui floater! | Stopper alternativo | Recuperiamo i floater | Prolunga del paletto | Costruzione del paletto | Cuscinetti | Oli e Lubrificazione | Costruzione di una palla da lancio | La meccanica dei freni magnetici | Daiwa Millionaire Tournament 7HT | Conversione AMBASSADEUR da cl a ct | Il sistema mag dei rotanti | Analisi rotture canne durante il lancio | Cenni storici, tributo a Lievanais | Guida all uso del rotante | Gli ami  | Daiwa Sealine 30 H | Teleferica: innesco del vivo | Gronghi and co. | La teleferica | Sostituzione boccole per il fisso | Piombo a perdere | 2 Ami per il vivo | Il Galleggiante ascensore | La Cassetta da Pesca | Il Mulinello a Bobina Fissa | Surf fishing e Beachledgering | Mormore, mormore, mormore... | Innescare il pastone | Il pastone | Cefalara Messinese | Come modificare una canna  | Rod Dryer fai da te | Composizione di uno starlight | Pasturatori Pesanti | Segnalatore d abboccata | Divergente per piombo scorrevole | Costruiamo un Tripode... | Stendi finali | Eging | Spinner Bait | Ritorno al Passato | GOMMA E SEABASS | Tabelle di Conversione | Lo Spinning | Freddo da Calamari | Alice s minnow 175 di Bluspin | Max Rap | Minnow Hart | Minnow  | Minnow Youzuri | Minnonw Sakai Lures | Wood n sunfish | Cranky-m | Wood n slither | V-Crank | Midive minnow | Live popper | Wood n minnow | Moran pencil | Dumbbell popper | V-Joint | Bubble popper | Artificiali: Top water and Minnow | Testa piombata con paletta per esche siliconiche | Anelli faidate | Imbobinatore fai da te | Autocostr. manico anna da spinning 2º | Spinner bait parte 2° | Spinner bait parte 1° | Come legare un anello | Jig da mare parte 2° | Jig da mare parte 1° | Anellatura Artificiali | Autocostr. manico canna da spinning | Alternativa legatura piume | A prova di martello | Rattlins fai da te | Filosa per alaccia (lana) | Filosa per alaccia (silicone) | Il salva esche artificiali | Pesca all’aguglia con la bombarda | Misurare il Fondale | Galleggiante e pasturatore 2°Parte | Galleggiante e pasturatore | Reggicanna da banchina | Appendici reggicanna | La Pastura | Pescare all Inglese | La Tecnica della Bolognese | La bombarda | Taratura dei gallegianti | Galleggianti da Inglese | Galleggianti da Bolognese | Il Cavalletto | Piombatura a scalare per lenza a mano | Gli ami per la traina | La canna da Traina | Traina e Battere il Calamaro | L alaccia reperimento e innesco | La Piombatura Frazionata  | L aguglia reperimento e innesco  | Il mulinello da traina | Traina alla Leccia Amia | Traina al Dentice | Equilibrare un artificiale | Artificiali da traina | Piombi per la traina | Come agganciare il piombo guardiano | Traina con piombo guardiano | Traina alle aguglie | Traina di profonditá con il Monel | Traina di Profondità, Affondatore o Downrigger | Everol T-SHOT 20 | SGANCIO RAPIDO QUICK RELEASE | SGANCIO RAPIDO | Sgancio Rapido Per il Piombo Guardiano | Il Piombo a sgancio rapido faidate | Costruzione terminale per il vivo 2º | Costruzione terminale per il vivo 1º | La vasca per il vivo | Traina da terra: Il barchino | Palamito a vela var. trapanese | Pesca con la Caloma 2º | Pesca con la Caloma 1º | Pesca al Pagro nello Stretto di Messina | A Saraghi col palamito | Il vertical jigging | Il Fasolare | Lo Sgombro | Cannolicchio | Oloturia e sua preparazione | Sugarello | Bibi (Spinculus nudus) | Bigattino | Travi | Esplosi | Nodi | La Corvina | La Cernia | Il Cefalo | La Boga | Alletterato | Aguglia | Alalunga | La Lampuga | La biologa risponde | Risposta per mimmop67 | Capo Peloro (ME) | Marina di Melilli | Spinesante (ME) | Santa Croce Camerina (RG) | Penisola Magnisi | Caponegro | Ognina di Siracusa | Catania: dalla Playa al porto di Ognina | Reports | Uno,due,tre...Serra! | Estate da sogno | A traina in cerca di emozioni | Aiolata | Il saragone | Quattro siculi in trasferta | Rotolando verso sud... | Il mio solito sauro... | Scaduta bellissima | Sabato di spettacolo! | A Spinning con Rocco | A pesca con Rocco! | Un amore di Cappotto | Blitz a Mortelle (ME) | Pescata a Lipari | Storia di un amore (Love fishing) | Sciroccata amara | Patti, fastidioso vento laterale! | Un tranquillo week-end di pesca | Events | Evento del 26/05/2006 | Evento del 30/09/2006 | Evento del 20/01/2007 | Evento del 19/05/2007 | Evento del 23/08/2007 | Evento del 14/10/2007 | Evento del 27/10/2007 | Evento del 17/05/2008 | Evento del 25/10/2008 | Evento del 28/03/2009 | Evento del 22/11/2009 | Evento del 03/07/2010 | Evento del 17/10/2010 | Evento del 08/05/2011 | Evento del 20/10/2013 | Evento del 09/02/2014 | Evento del 04/04/2015 | Evento del 04/05/2015 | Evento del 04/06/2015 | Evento del 04/07/2015 | Album fotografico anno 2005 | Album fotografico anno 2006 | Album fotografico anno 2007 | Album fotografico anno 2008 | Album fotografico anno 2009 | Album fotografico anno 2010 | Album fotografico anno 2011 | Album fotografico anno 2012 | Album fotografico anno 2013 | Album fotografico anno 2014 | Album fotografico anno 2015 | Album fotografico anno 2016 | Album fotografico anno 2017 | Paesaggi | Meteo | Downloads | Video | Links | Chat | Forum | Facebook | Contatti | Copyright
Booking.com
Pescare in Sicilia per i tuoi soggiorni consiglia: PrenotareinSicilia | PrenotareinItalia | PrenotareinEuropa
Pescare in Sicilia
All rights reserved
2006-2016
Risoluzione minima consigliata
1280x800

FORUM



Litorale di San Saba - Messina
LINK SUGGERITI


GIOVANNI



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
Siamo Online
da 4106 giorni, 8 ore e 41 minuti
Agrigento Caltanissetta Catania
Enna Messina Palermo
Ragusa Siracusa Trapani

Cefalu Taormina Isole Eolie
GOOGLE



Web pescareinsicilia.it

MARIO COCO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
CONTATTACI


Nome

Email

Testo


GIUSEPPE



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it

www.itineraridipesca.it

TOPSITE PESCA DEPORTIVA


Ultimo aggiornamento
2/05/17 10:00

Google+