ARTICOLI
 
Aprile 2008
Lo Shock Leader
Emanuele Velardita




Lo shock leader, o parastrappi per dirla all’italica maniera, altro non è che uno segmento di filo molto robusto il cui scopo è quello di fungere da ammortizzatore, per metterci nelle condizioni di lanciare piombi di peso consistente con fili dal diametro sottile.
Infatti, per ottenere distanza nel lancio e, contestualmente, ancorare correttamente al fondo il trave, non possiamo affidarci né a piombi di grammatura esigua (si parte dagli 80 per arrivare anche ai 200 gr) né a fili dal diametro molto sostenuto (difficilmente si utilizzano diametri superiori al 35).
Quindi, per ottemperare a queste esigenze difficilmente conciliabili tra loro, dobbiamo ricorrere allo shock leader.
Gli elementi che vanno consideratii, riguardo alla sua confezione, sono il diametro del filo da utilizzare, e la sua lunghezza complessiva.
Parlando del primo, se è chiaro che un diametro molto sostenuto evita le rotture, è anche vero che, esagerando, si appesantisce il complesso da lanciare e si presta maggiormente il fianco alla laterale.
Quindi, ci si dovrebbe muovere all’interno di diametri che, sebbene non ci riparino al 100% dalle rotture, ci permettano comunque di lanciare e pescare con una certa tranquillità.
Il tutto, andrà adeguato all’attrezzo utilizzato, in riferimento alla sua azione e al tipo di lancio.
Volendo fare degli esempi, prendendo in considerazione una classica telescopica - o le canne ad innesti progettate per la pesca in mediterraneo – corredata di fisso, posto che campo il side (sebbene angolato) è il lancio preferibile, ritengo che raramente si ravvisa la reale necessità di salire al di sopra dello 0,50; tanto, s’intende, nel caso di attrezzi al top per potenza d’azione.
Ciò, anche per un altro motivo.
Infatti, il maggior diametro implica un aumento della rigidità relativa del nylon, con ripercussioni negative per il fusto, il quale tende al veloce sovraccaricamento, con conseguente abbassamento dalle grammatura ideale e pericolo di rottura, soprattutto nel sottovetta.
Passando ad attrezzi con maggior carattere - come canne ad innesti, secondo alcuni non ideate per la pesca in mediterraneo, ma che comunque hanno un sempre crescente seguito di estimatori - magari in abbinamento a mulinelli rotanti, i diametri tendono inevitabilmente a salire, partendo almeno dallo 0,60 per i 100/125 gr., per giungere fino allo 0,70, per quelli più pesanti.
Quanto detto vale ovviamente in pesca; in pedana, il regolamento risolve ogni indugio, obbligando all’uso minimo dello 0,70 per i 100 e 125 gr, e allo 0,80 per i 150 e 175 gr.
Relativamente al discorso lunghezza, innanzitutto bisogna considerare che uno shock troppo corto è molto sensibile alla rottura sul nodo successivamente allo spunto (poiché esce troppo velocemente e la differenza di diametro tra shock e filo in bobina, in piena accelerazione, fa tutto il resto); diversamente, uno shock troppo lungo, ha come effetto quello di rallentare di parecchio l’uscita, con deprezzamento finale della prestazione.
In pesca, comunque, la lunghezza dovrebbe sempre esser sempre calcolata considerando che, una volta giunti alla fine del recupero, non ci si debba trovare con il nodo fuori dalla bobina ma, almeno, con un paio di spire già recuperate.
Il motivo è semplice.
Il nodo di giunzione rappresenta l’anello debole della catena e, assicurarlo in bobina quando ancora si sta recuperando l’eventuale preda (sebbene si sia giunti praticamente alla fine), ci mette a riparo dalla rottura dell’ultima fuga, quella classica della preda già spiaggiata.
Seguendo questa logica, è bene comunque non eccedere, mantenendo come riferimento massimo la larghezza della bobina (se si usa il rotante) o la sua altezza (se si usa il fisso) limitandosi al massimo completando la prima o una volta e mezzo per la seconda, curandosi sempre di porre il nodo a uno dei margini della bobina del rotante o a quello basso (ultima spira) per quella del fisso; questo, sia per ragioni di sicurezza (soprattutto coi rotanti il nodo può diventare un rasoio capace di affettare il pollice senza tanti problemi) sia di conflitto (un nodo accavallato con un’altra spira può creare un ostacolo alla libera uscita del filo, portando a rotture o parrucche).
L’altro argomento da affrontare è come annodarlo alla lenza madre.
Esistono una miriade di soluzioni per legare fili di diametro diverso (anche sostenuto); per lo shicok leader, le soluzioni ideali sono quelle che creano anche un nodo piccolo e filante, che non trovi intoppi nell’uscita dagli anelli.
Tra le possibilità, prenderemo in considerazione quelle più comuni.
Doppio UNI
Il nodo UNI è il classico nodo a spire per gli ami a paletta; farne due incrociando i due fili e facendoli scorrere fino a battere l’uno sull’altro prima di serrarli e assuccarli bene, crea un nodo molto piccolo, affusolato, molto robusto e senza tendenza a slittare.
Il suo limite è rappresentato dai fili rigidi, di diametro sostenuto e poco pastosi al nodo (che non si assuccano bene e lasciano le spire larghe e il nodo grosso), ma rappresenta un sistema rapido e veloce per gli shock “leggeri” tipici delle tele.
Allbright.
È il sistema più veloce per legare shock di diametro sostenuto.
Infatti il nylon dello shock non viene legato ma semplicemente pontato all’interno delle spire create dal filo in bobina.
Mantiene inalterato il carico di rottura del filo madre, crea un nodo molto piatto, ma leggermente sovradimensionato, che soffre un po’ le anellature strette tipiche delle canne destinate al rotante.
Competition.
Anche in questo caso, il nylon dello shock non viene legato ma passato alla fiamma su un capo, per ottenere una piccola pallina su cui andrà a battere la legatura UNI fatta con il filo madre.
È un nodo classico da pedana che può trovare utilizzo in pesca, a patto che il nylon utilizzato sia idoneo, per struttura molecolare e composizione, a rendere una pallina dura e robusta, che non si rompa alla minima trazione.
Oltre a questo, un altro limite è che, se va bene per differenze sostenute (0,23/0,60) o, al limite, con fili madre sottili, è invece difficile da effettuare tra nylon di differenza pari al doppio (0,35/0,70) poiché, il nodo sul filo madre, anche assuccandolo al massimo, tende a slittare non bloccandosi sulla pallina.

Non solo Nylon.
Il fatto che lo shock leader costituisca un giocoforza nella pesca da spiaggia, ha condotto, da una parte, i produttori a presentare al mercato delle utenze prodotti specifici, mentre, dall’altra, molti pescatori (soprattutto garisti, posto che le gare rappresentano la fucina di molte “trovate”) ad escogitare e tentare nuovi sistemi, soprattutto per eliminare o, limare al massimo, il nodo di giunzione.
Tra questi, meritano un accenno, il TAPARED, lo SHOCK LEADER CONICO, il POLIETILENE (PE).
Il primo, è il filo conico, ovvero una bobina contenente 220 mt. di filo di diametro adeguato alla pesca, che va crescendo negli ultimi 20 mt. Fino a raggiungere un diametro sostenuto;
il secondo, diretta conseguenza del primo, è uno spezzone di 15 mt di filo che parte da un diametro sottile e arriva al diametro da shock leader.
Il terzo, è il comune tracciato (chiedo, a tal proposito, scusa all’amico Vittorio Azzano, se persevero nell’usare un termine improprio ma di uso comune), ovvero un multifilamento molto resistente anche nei diametro sottili.
A riguardo, lungi dal commentare, ritengo opportuno soltanto sottolineare che alternative di questo genere, possono trovare una loro logica in determinate e ben specifiche situazioni, ma non potranno mai sostituire l’indubbia efficacia e la semplicità del classico spezzone di nylon economico legato alla lenza madre.



|
 
NEWS DI OTTOBRE




La Corvina

Album fotografico anno 2017
EBAY


DISCUSSIONI RECENTI


ANSA NEWS


MAPPA DEL SITO


Home | Il Sarago nel Surf Casting | La Tenuta al Moto Ondoso | Long Arm clippato by GCB | Pocket Beach | Tempesta Perfetta | I magnifici 5 | Coaster in Nylon occhio al taglio | Scelta della postazione | I piombi nel Surfcasting | Il Fluocarbon nel Surfcasting | Primi approcci - configurazione rotante | Sfielttatore e Filo Elastico | Night and Day | I travi da pesca | Lo Shock Leader | Scelta Attrezzatura - Citazioni 1º | Condimeteo 3 | Condimeteo 2 | Condimeteo 1 | La Mareggiata | Obbiettivo Spigola! | Pelagici da riva... | Orate nel tirreno | Questioni di piombo | Maver Elite 190 | Daiwa 6 HM | Italcanna Fireball S1 | Penn 525 xtra Mag | Century Tornado Match and Sport | Century Tornado lite | Penn serie 525 | Ami, disaminiamo... | TRIO Compact BadBass Technology | SHIMANO BIOMASTER GTX 8000 | Zaino da pesca Fisherbagstore | Manutenzione dei mulinelli | Costruiamo un lead lift | Barretta conversione 6hm | Realiz. stampi cono-piramide 2º | Il Porta finali | Realiz. stampi cono-piramide 1º | Fonderia Cataudo | Modifica zaino FisherbagStore | Lo Sparviero, snodo multifunzionale | Bait Clip | Terminale per il Serra | Costruiamo il Bait Clip | Risparmiamo sui floater! | Stopper alternativo | Recuperiamo i floater | Prolunga del paletto | Costruzione del paletto | Cuscinetti | Oli e Lubrificazione | Costruzione di una palla da lancio | La meccanica dei freni magnetici | Daiwa Millionaire Tournament 7HT | Conversione AMBASSADEUR da cl a ct | Il sistema mag dei rotanti | Analisi rotture canne durante il lancio | Cenni storici, tributo a Lievanais | Guida all uso del rotante | Gli ami  | Daiwa Sealine 30 H | Teleferica: innesco del vivo | Gronghi and co. | La teleferica | Sostituzione boccole per il fisso | Piombo a perdere | 2 Ami per il vivo | Il Galleggiante ascensore | La Cassetta da Pesca | Il Mulinello a Bobina Fissa | Surf fishing e Beachledgering | Mormore, mormore, mormore... | Innescare il pastone | Il pastone | Cefalara Messinese | Come modificare una canna  | Rod Dryer fai da te | Composizione di uno starlight | Pasturatori Pesanti | Segnalatore d abboccata | Divergente per piombo scorrevole | Costruiamo un Tripode... | Stendi finali | Eging | Spinner Bait | Ritorno al Passato | GOMMA E SEABASS | Tabelle di Conversione | Lo Spinning | Freddo da Calamari | Alice s minnow 175 di Bluspin | Max Rap | Minnow Hart | Minnow  | Minnow Youzuri | Minnonw Sakai Lures | Wood n sunfish | Cranky-m | Wood n slither | V-Crank | Midive minnow | Live popper | Wood n minnow | Moran pencil | Dumbbell popper | V-Joint | Bubble popper | Artificiali: Top water and Minnow | Testa piombata con paletta per esche siliconiche | Anelli faidate | Imbobinatore fai da te | Autocostr. manico anna da spinning 2º | Spinner bait parte 2° | Spinner bait parte 1° | Come legare un anello | Jig da mare parte 2° | Jig da mare parte 1° | Anellatura Artificiali | Autocostr. manico canna da spinning | Alternativa legatura piume | A prova di martello | Rattlins fai da te | Filosa per alaccia (lana) | Filosa per alaccia (silicone) | Il salva esche artificiali | Pesca all’aguglia con la bombarda | Misurare il Fondale | Galleggiante e pasturatore 2°Parte | Galleggiante e pasturatore | Reggicanna da banchina | Appendici reggicanna | La Pastura | Pescare all Inglese | La Tecnica della Bolognese | La bombarda | Taratura dei gallegianti | Galleggianti da Inglese | Galleggianti da Bolognese | Il Cavalletto | Piombatura a scalare per lenza a mano | Gli ami per la traina | La canna da Traina | Traina e Battere il Calamaro | L alaccia reperimento e innesco | La Piombatura Frazionata  | L aguglia reperimento e innesco  | Il mulinello da traina | Traina alla Leccia Amia | Traina al Dentice | Equilibrare un artificiale | Artificiali da traina | Piombi per la traina | Come agganciare il piombo guardiano | Traina con piombo guardiano | Traina alle aguglie | Traina di profonditá con il Monel | Traina di Profondità, Affondatore o Downrigger | Everol T-SHOT 20 | SGANCIO RAPIDO QUICK RELEASE | SGANCIO RAPIDO | Sgancio Rapido Per il Piombo Guardiano | Il Piombo a sgancio rapido faidate | Costruzione terminale per il vivo 2º | Costruzione terminale per il vivo 1º | La vasca per il vivo | Traina da terra: Il barchino | Palamito a vela var. trapanese | Pesca con la Caloma 2º | Pesca con la Caloma 1º | Pesca al Pagro nello Stretto di Messina | A Saraghi col palamito | Il vertical jigging | Il Fasolare | Lo Sgombro | Cannolicchio | Oloturia e sua preparazione | Sugarello | Bibi (Spinculus nudus) | Bigattino | Travi | Esplosi | Nodi | La Corvina | La Cernia | Il Cefalo | La Boga | Alletterato | Aguglia | Alalunga | La Lampuga | La biologa risponde | Risposta per mimmop67 | Capo Peloro (ME) | Marina di Melilli | Spinesante (ME) | Santa Croce Camerina (RG) | Penisola Magnisi | Caponegro | Ognina di Siracusa | Catania: dalla Playa al porto di Ognina | Reports | Uno,due,tre...Serra! | Estate da sogno | A traina in cerca di emozioni | Aiolata | Il saragone | Quattro siculi in trasferta | Rotolando verso sud... | Il mio solito sauro... | Scaduta bellissima | Sabato di spettacolo! | A Spinning con Rocco | A pesca con Rocco! | Un amore di Cappotto | Blitz a Mortelle (ME) | Pescata a Lipari | Storia di un amore (Love fishing) | Sciroccata amara | Patti, fastidioso vento laterale! | Un tranquillo week-end di pesca | Events | Evento del 26/05/2006 | Evento del 30/09/2006 | Evento del 20/01/2007 | Evento del 19/05/2007 | Evento del 23/08/2007 | Evento del 14/10/2007 | Evento del 27/10/2007 | Evento del 17/05/2008 | Evento del 25/10/2008 | Evento del 28/03/2009 | Evento del 22/11/2009 | Evento del 03/07/2010 | Evento del 17/10/2010 | Evento del 08/05/2011 | Evento del 20/10/2013 | Evento del 09/02/2014 | Evento del 04/04/2015 | Evento del 04/05/2015 | Evento del 04/06/2015 | Evento del 04/07/2015 | Album fotografico anno 2005 | Album fotografico anno 2006 | Album fotografico anno 2007 | Album fotografico anno 2008 | Album fotografico anno 2009 | Album fotografico anno 2010 | Album fotografico anno 2011 | Album fotografico anno 2012 | Album fotografico anno 2013 | Album fotografico anno 2014 | Album fotografico anno 2015 | Album fotografico anno 2016 | Album fotografico anno 2017 | Paesaggi | Meteo | Downloads | Video | Links | Chat | Forum | Facebook | Contatti | Copyright
Booking.com
Pescare in Sicilia per i tuoi soggiorni consiglia: PrenotareinSicilia | PrenotareinItalia | PrenotareinEuropa
Pescare in Sicilia
All rights reserved
2006-2016
Risoluzione minima consigliata
1280x800

FORUM



Litorale di San Saba - Messina
LINK SUGGERITI


LUIGI LUCCHESI



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
Siamo Online
da 4221 giorni, 12 ore e 21 minuti
Agrigento Caltanissetta Catania
Enna Messina Palermo
Ragusa Siracusa Trapani

Cefalu Taormina Isole Eolie
GOOGLE



Web pescareinsicilia.it

ORAZIO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
CONTATTACI


Nome

Email

Testo


GIUSEPPE



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it

www.itineraridipesca.it

TOPSITE PESCA DEPORTIVA


Ultimo aggiornamento
2/05/17 10:00

Google+