ZOOM
 
Gennaio 2018
La scelta della canna e del mulinello
Marco Abate da Messina






Come anticipato nei giorni precedenti, questa settimana tratteremo l’argomento della scelta delle attrezzature per la pesca a bolognese in mare, considerate che le foto inserite le ho prese dal mio archivio, e sono generiche perché non voglio parlare di marche specifiche ma di linee guida (non ho messo foto di rastrelliere di canne o ammassi di mulinelli di proposito per intenderci). Si deve partire dall’idea che quest’articolo è riferito a chi approccia con questa tecnica e che quindi non tratterà attrezzature specifiche, che saranno oggetto di articoli futuri.
Mi son forse appesantito un poco sul ribadire la parola mare, ma noi andiamo a pescare per lo più in scogliera, in aree portuali e qualche pescata con le gambe a mollo, ma i pesci che andiamo ad insidiare e soprattutto i calamenti utilizzati sono molto diversi da quelli delle A.I., ed è per questo che preferisco trattare l’argomento in maniera mirata.

LA CANNA:
Tenendo a mente che la canna serve per lanciare, ferrare e recuperare il pesce, una canna per pescare a bolognese detta anche “la bolognese” è un attrezzo che va dalla misura di 5 mt a 8 mt, ad oggi sono commercializzate anche misure di 9, 11 e 12 mt specifiche per pescate in trattenuta nelle foci. Da rammentare è che maggiore sarà la lunghezza della canna, maggiore sarà la leva a disposizione.
Esistono in commercio 3 diverse tipologie di attrezzi destinati a diversi utilizzi e vengono chiamate LIGHT, ALLROUND E POWER (o hard). Il mio parare è sicuramente quello di iniziare a vedere canne allround perché polivalenti nell’utilizzo, infatti in commercio si trovano una marea di prodotti, “tarate” per lo più su range di fili dallo 0,10 allo 0,18.
Le azioni principali sono (cioè la piega che effettua la canna sotto trazione): parabolica, semiparabolica e di punta. Ognuna di essa può essere scelta sia per preferenze soggettive del pescatore, sia per necessità della pescata da affrontare. Argomento a parte è la progressività o meno dell’attrezzo, cioè per intenderci, il punto di fine corsa del grezzo! Cercherò di essere il più chiaro possibile, la canna da mare votata alla ricerca del pesce grosso deve avere la caratteristica di piegare sotto sforzo a seconda del terminale utilizzato e quindi di conseguenza essere progressiva (o avere una progressione). Vi è un altro fattore da non trascurare, ovvero che con una bolognese si pesca anche a distanza e su fondali che spesso sono poco meno della lunghezza della canna, quindi è importante scegliere un attrezzo che ci consenta ferrare sul pesce e non sul galleggiante, cioè ci occorre un grezzo che sia elastico, cioè rapido nel ritornare nella posizione iniziale,questo aiuterà anche nel lancio.
Per avere un’idea anche sul bilanciamento, lo stesso è dato dal maggiore peso sul manico (perché fa spostare indietro il baricentro) e di conseguenza un manico più grosso vedrà anche una canna più conica e quindi peso minore in punta, mentre quelle dal mandrino più sottile, tendono a “tirare di punta”. Vi è comunque da dire, che negli ultimi anni, l’innovazione e lo studio progettuale ma soprattutto l’utilizzo di carbonio e resine diverse, hanno reso possibile attrezzi dalla calciatura sottile molto bilanciati con peculiarità molto simili alle canne “coniche”. Il tutto per far capire di non leggere solo il peso della canna ma di aprirla e provarla!
Le linee guida che ho cercato di semplificare, vogliono essere un’idea iniziale che ci consenta di andare dal nostro negoziante, aprire una canna bolognese ed avere già un punto di partenza per poter fare la cernita degli attrezzi.

MULINELLI:
La scelta di un frizione anteriore piuttosto che un frizione posteriore è data dal fato che, chi sceglie un mulinello con frizione anteriore avrà una macchina dalla maggiore potenza meccanica, dalla frizione con dischi più larghi e dalla bobina più larga, di contro un frizione posteriore sarà maggiormente votato per per pesce fini.
La scelta di un tipo rispetto ad un altro, tralasciando la misura, è data sicuramente dalle caratteristiche del mulinello quali:
- Misura: la misura da scegliere sarà dal 2500 al 4000 ma dipende dalle marche che andremo a scegliere. Sicuramente avere una bobina più larga aiuta in molti aspetti, del tipo, minore stress del filo perché diminuisce il numero delle spire imbobinate e migliore fuoriuscita del filo che da un aiuto in più nella distanza del lancio. Di contro, si avrà una bobina poco più pesante che darà un maggiore peso sullo spunto iniziale della frizione (ovviamente non si parla di top di gamma) e peso sotto il braccio maggiore. In linea di massima, purtroppo metto esempi di marche perché tra di loro sono differenti, se si pesca sottopunta si predilige un mulo 2500 (daiwa o shimano) o 3000 (shimano che ha la bobina shallow cioè minore capienza rispetto al 2500), se si pesca fuori si utilizza un 3000 (daiwa) o 4000 (shimano).
- Velocità nel recupero (gear ratio): la stessa è una proporzione, cioè più veloce sarà il mulinello, maggiore sarà il filo avvolto su di un giro di manovella. Tutto ciò influisce sulla fluidità nel recupero (salvo qualche top di gamma), perché un mulinello con un recupero lento sarà anche un trattore (è la stessa precisa cosa che si cerca nei muli da surf ecc..), questa è meccanica. Per trovare un giusto compromesso, si potrebbe dire che i muli con un recupero intorno al 5.0:1 potrebbero fare al caso nostro.
- Frizione: la prima cosa che tutti guardano è il max drug, ma permettetemi di dirlo, sono altre le cose che si devono cercare, perchè il max drug npon da sempre la modularità della frizione.
Nello specifico, deve avere un buon spunto iniziale, cioè una partenza morbida, una buona modularità, cioè per cercare di semplificare, la frizione ad ogni scatto deve “stringere” poco in modo da poterla settare nel migliore dei modi, e che non si impunti ovvero sia fluida.
- Peso: genericamente è compreso tra i 230 e i 310 gr, ma rammentate che il peso del mulinello lo si sente solo sotto il braccio.
Riassumendo, un buon mulo da bolognese deve imbobinare il filo in maniera perfetta, avere una buona frizione ed essere fluido nel recupero!!!!!



|
 
NEWS DI MAGGIO




La Corvina

Album fotografico anno 2018
EBAY


DISCUSSIONI RECENTI


ANSA NEWS


MAPPA DEL SITO


Home | Il Sarago nel Surf Casting | La Tenuta al Moto Ondoso | Long Arm clippato by GCB | Pocket Beach | Tempesta Perfetta | I magnifici 5 | Coaster in Nylon occhio al taglio | Scelta della postazione | I piombi nel Surfcasting | Il Fluocarbon nel Surfcasting | Primi approcci - configurazione rotante | Sfielttatore e Filo Elastico | Night and Day | I travi da pesca | Lo Shock Leader | Scelta Attrezzatura - Citazioni 1º | Condimeteo 3 | Condimeteo 2 | Condimeteo 1 | La Mareggiata | Obbiettivo Spigola! | Pelagici da riva... | Orate nel tirreno | Questioni di piombo | Maver Elite 190 | Daiwa 6 HM | Italcanna Fireball S1 | Penn 525 xtra Mag | Century Tornado Match and Sport | Century Tornado lite | Penn serie 525 | Ami, disaminiamo... | TRIO Compact BadBass Technology | SHIMANO BIOMASTER GTX 8000 | Zaino da pesca Fisherbagstore | Manutenzione dei mulinelli | Costruiamo un lead lift | Barretta conversione 6hm | Realiz. stampi cono-piramide 2º | Il Porta finali | Realiz. stampi cono-piramide 1º | Fonderia Cataudo | Modifica zaino FisherbagStore | Lo Sparviero, snodo multifunzionale | Bait Clip | Terminale per il Serra | Costruiamo il Bait Clip | Risparmiamo sui floater! | Stopper alternativo | Recuperiamo i floater | Prolunga del paletto | Costruzione del paletto | Cuscinetti | Oli e Lubrificazione | Costruzione di una palla da lancio | La meccanica dei freni magnetici | Daiwa Millionaire Tournament 7HT | Conversione AMBASSADEUR da cl a ct | Il sistema mag dei rotanti | Analisi rotture canne durante il lancio | Cenni storici, tributo a Lievanais | Guida all uso del rotante | Gli ami  | Daiwa Sealine 30 H | Teleferica: innesco del vivo | Gronghi and co. | La teleferica | Sostituzione boccole per il fisso | Piombo a perdere | 2 Ami per il vivo | Il Galleggiante ascensore | La Cassetta da Pesca | Il Mulinello a Bobina Fissa | Surf fishing e Beachledgering | Mormore, mormore, mormore... | Innescare il pastone | Il pastone | Cefalara Messinese | Come modificare una canna  | Rod Dryer fai da te | Composizione di uno starlight | Pasturatori Pesanti | Segnalatore d abboccata | Divergente per piombo scorrevole | Costruiamo un Tripode... | Stendi finali | Eging | Spinner Bait | Ritorno al Passato | GOMMA E SEABASS | Tabelle di Conversione | Lo Spinning | Freddo da Calamari | Alice s minnow 175 di Bluspin | Max Rap | Minnow Hart | Minnow  | Minnow Youzuri | Minnonw Sakai Lures | Wood n sunfish | Cranky-m | Wood n slither | V-Crank | Midive minnow | Live popper | Wood n minnow | Moran pencil | Dumbbell popper | V-Joint | Bubble popper | Artificiali: Top water and Minnow | Testa piombata con paletta per esche siliconiche | Anelli faidate | Imbobinatore fai da te | Autocostr. manico anna da spinning 2º | Spinner bait parte 2° | Spinner bait parte 1° | Come legare un anello | Jig da mare parte 2° | Jig da mare parte 1° | Anellatura Artificiali | Autocostr. manico canna da spinning | Alternativa legatura piume | A prova di martello | Rattlins fai da te | Filosa per alaccia (lana) | Filosa per alaccia (silicone) | Il salva esche artificiali | Spigole e Bigattino | quattro quinti di vita e passione  | Il Posto Manzo | Il vento nello stretto nasce cresce e muore | Pesca all’aguglia con la bombarda | Misurare il Fondale | Galleggiante e pasturatore 2°Parte | Galleggiante e pasturatore | Reggicanna da banchina | Appendici reggicanna | La Pastura | Pescare all Inglese | La Tecnica della Bolognese | La scelta della canna e del mulinello | La bombarda | Taratura dei gallegianti | Galleggianti da Inglese | Galleggianti da Bolognese | Il Cavalletto | Piombatura a scalare per lenza a mano | Gli ami per la traina | La canna da Traina | Traina e Battere il Calamaro | L alaccia reperimento e innesco | La Piombatura Frazionata  | L aguglia reperimento e innesco  | Il mulinello da traina | Traina alla Leccia Amia | Traina al Dentice | Equilibrare un artificiale | Artificiali da traina | Piombi per la traina | Come agganciare il piombo guardiano | Traina con piombo guardiano | Traina alle aguglie | Traina di profonditá con il Monel | Traina di Profondità, Affondatore o Downrigger | Everol T-SHOT 20 | SGANCIO RAPIDO QUICK RELEASE | SGANCIO RAPIDO | Sgancio Rapido Per il Piombo Guardiano | Il Piombo a sgancio rapido faidate | Costruzione terminale per il vivo 2º | Costruzione terminale per il vivo 1º | La vasca per il vivo | Traina da terra: Il barchino | Palamito a vela var. trapanese | Pesca con la Caloma 2º | Pesca con la Caloma 1º | Pesca al Pagro nello Stretto di Messina | A Saraghi col palamito | Il vertical jigging | Il Fasolare | Lo Sgombro | Cannolicchio | Oloturia e sua preparazione | Sugarello | Bibi (Spinculus nudus) | Bigattino | Travi | Esplosi | Nodi | La Corvina | La Cernia | Il Cefalo | La Boga | Alletterato | Aguglia | Alalunga | La Lampuga | La biologa risponde | Risposta per mimmop67 | Capo Peloro (ME) | Marina di Melilli | Spinesante (ME) | Santa Croce Camerina (RG) | Penisola Magnisi | Caponegro | Ognina di Siracusa | Catania: dalla Playa al porto di Ognina | Reports | Uno,due,tre...Serra! | Estate da sogno | A traina in cerca di emozioni | Aiolata | Il saragone | Quattro siculi in trasferta | Rotolando verso sud... | Il mio solito sauro... | Scaduta bellissima | Sabato di spettacolo! | A Spinning con Rocco | A pesca con Rocco! | Un amore di Cappotto | Blitz a Mortelle (ME) | Pescata a Lipari | Storia di un amore (Love fishing) | Sciroccata amara | Patti, fastidioso vento laterale! | Un tranquillo week-end di pesca | Events | Evento del 26/05/2006 | Evento del 30/09/2006 | Evento del 20/01/2007 | Evento del 19/05/2007 | Evento del 23/08/2007 | Evento del 14/10/2007 | Evento del 27/10/2007 | Evento del 17/05/2008 | Evento del 25/10/2008 | Evento del 28/03/2009 | Evento del 22/11/2009 | Evento del 03/07/2010 | Evento del 17/10/2010 | Evento del 08/05/2011 | Evento del 20/10/2013 | Evento del 09/02/2014 | Evento del 04/04/2015 | Evento del 04/05/2015 | Evento del 04/06/2015 | Evento del 04/07/2015 | Album fotografico anno 2005 | Album fotografico anno 2006 | Album fotografico anno 2007 | Album fotografico anno 2008 | Album fotografico anno 2009 | Album fotografico anno 2010 | Album fotografico anno 2011 | Album fotografico anno 2012 | Album fotografico anno 2013 | Album fotografico anno 2014 | Album fotografico anno 2015 | Album fotografico anno 2016 | Album fotografico anno 2017 | Album fotografico anno 2018 | Paesaggi | Meteo | Downloads | Video | Links | Chat | Forum | Facebook | Contatti | Copyright
Booking.com
Pescare in Sicilia per i tuoi soggiorni consiglia: PrenotareinSicilia | PrenotareinItalia | PrenotareinEuropa
Pescare in Sicilia
All rights reserved
2006-2018
Risoluzione minima consigliata
1280x800

FORUM



Litorale di San Saba - Messina
LINK SUGGERITI


NUNZIO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
Siamo Online
da 4438 giorni, 14 ore e 20 minuti
Agrigento Caltanissetta Catania
Enna Messina Palermo
Ragusa Siracusa Trapani

Cefalu Taormina Isole Eolie
GOOGLE



Web pescareinsicilia.it

NINO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
CONTATTACI


Nome

Email

Testo


MARCO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it

www.itineraridipesca.it

TOPSITE PESCA DEPORTIVA


Ultimo aggiornamento
5/02/18 10:52

Google+