ARTICOLI
 
Febbraio 2010
Tempesta Perfetta
Emanuele Velardita





Affrontando il problema della scelta dello spot, si è parlato di canaloni e buche, punte e banchi, cercando capire dove si trovano e come individuarli.
Parlando di Surf Casting nel senso più tecnico del termine, ogni analisi non può prescindere dalla valutazione dell’elemento principale da cui parte quel processo di pasturazione naturale indispensabile per il successo della battuta.
Ci stiamo riferendo all’evento onda attivatosi il quale, il fondo si apre, si rivolta e smaschera i tratti più importanti.
Ed è questo evento che dobbiamo fronteggiare nella sua massima espressione, non in senso assoluto ma relativo alla spiaggia che intendiamo affrontare.

Energia della spiaggia e intensità del vento.
Posto che lo sviluppo di una mareggiata è sempre legato ad una perturbazione, ogni valutazione non può che prendere l’avvio dall’analisi della sua intensità e su come questa riuscirà a determinare l’effetto che tutti aspettiamo.
Entra in gioco, a proposito, il concetto di energia della spiaggia, intendendo in tal modo la profondità intrinseca che la caratterizza.
È intuitivo che per agitare una costa molto bassa, necessiti meno vento rispetto ad un’altra dal fondale ben più profonda rispetto alla prima.
Ciò che ci interessa, è come l’evento si presenta e quale situazione dobbiamo ritenere interessante e potenzialmente proficua per l’azione di pesca.
E questo lo scopriamo analizzando l’ultimo frangente.
Nelle spiagge a bassa energia è lontano, in alcuni casi irraggiungibile ma, man mano che l’energia del fondale aumenta tende ad avvicinarsi, fino a diventare un’unica e spettacolare onda sul gradino di risacca, tipica delle spiagge porto.
Ad ogni modo, un dato è essenziale.
Il mare da Surf, non è quello più mosso in assoluto ma quello che presenta caratteristiche ben definite e riscontrabili da un’attenta analisi delle condizioni.

Le condizioni ottimali.
A questo punto, possiamo iniziare ad abbozzare un quadro del teatro ideale, ovvero le condizioni di mare che dovremo cercare ed affrontare.
Il vento sarà, nel suo soffiare, costante e non imbastardito da raffiche violente ed improvvise.
Il moto ondoso, si presenterà formato e ben lineare, distinto da una buona ritmica con onde alte che, partendo dall’orizzonte, si inseguono mantenendosi ad certa distanza tra loro, senza accavallarsi.
In un punto ben determinato distingueremo l’ultimo frangente, mentre le onde che lo seguiranno, infrangendosi durante la loro corsa verso riva, ci indicheranno la presenza di buche, canali, punte e banchi.
Infine, l’osservazione della cresta dell’onda, ci potrà indicare l’eventuale presenza di alghe, la loro distribuzione e la loro quantità.
Questo, in sintesi, ciò che ci si aspetta di trovare quando si cerca una mareggiata interessante, e non quel caos di schiuma, alghe, acqua e sabbia, in cui le onde, confusamente, si accavallano tra di loro e il vento impedisce anche di camminare e che, troppo spesso e arbitrariamente, da alcuni viene considerato mare da Surf.

L’esposizione della spiaggia.
Quanto sin ora descritto, rappresenta il massimo delle condizioni desiderabili, in pratica, la perfezione in senso assoluto.
Ricercarle, o meglio attenderle, comporta un sacrificio non indifferente, non solo in riferimento alla casistica, ma anche, agli impegni che abbiamo, che sono tanti, diversi e spesso confliggenti con la nostra passione.
Inutile dire che, in assenza di quelle condizioni, ci si dovrà comunque organizzare.
Un aiuto fattivo ci giunge, innanzitutto, dall’esposizione della spiaggia.
Sappiamo bene che la costa non è lineare, e questo incide sull’orientamento reale delle spiagge che la compongono.
A parità di perturbazione, infatti, mentre alcuni tratti vengono investiti direttamente, altri lo saranno soltanto parzialmente e, altri ancora completamente protetti.
Stiamo parlando, in pratica, di quale orientamento ha spiaggia nel quadrante delle possibili perturbazioni, ovvero verso quali perturbazioni la spiaggia si trova indirizzata e da quali invece risulta coperta.
L’importanza del dato è basilare, non foss’altro perché, casisticamente parlando, è la condizione che spesso ci troviamo ad affrontare.
Infatti, una forte perturbazione che investe direttamente un determinato tratto crea delle condizioni spesso difficilmente affrontabili e sostenibili, se non addirittura inutili ai nostri scopi.
Ma, la stessa perturbazione non si ferma in quel tratto, e continuerà svolgere i propri effetti, seppur in maniera smorzata, anche su altri tratti non direttamente investiti.
Stiamo parlando della mareggiata riflessa, ovvero quella in cui ci si trova di fronte ad un moto ondoso, anche sostenuto, ma ben disegnata e, soprattutto, in assenza totale o parziale di vento.
E questa ,in pratica, sarà la condizione da cercare ed affrontare quando, dovendo scegliere lo spot, ci rendiamo conto che la perturbazione diretta è di intensità tale da impedire una corretta azione di pesca.

I momenti della mareggiata.
Sin ora, si è dato per scontato che, dovendo organizzare una battuta, ci si trovi sempre ad incontrare la perturbazione, nella sua integralità.
Ma non è sempre così.
Ci si può trovare, infatti, a dover affrontare due momenti che la caratterizzano, ovvero, il suo inizio e la sua fine.
Il primo, molto spesso occasionale, si presenta nel momento in cui, mentre peschiamo, assistiamo ad un mutamento repentino delle condizioni climatiche.
Sta iniziando una mareggiata ed è un momento importante e molto interessante sotto molti aspetti, soprattutto se coincidente con il cambio di marea.
Infatti, mentre quest’ultimo ci assicura una corretta differenziazione delle correnti, la perturbazione nascente innesca l’evento onda che tutti sperano di poter affrontare.
In base alla situazione, non è uno stato destinato a durare nel tempo.
Nell’arco di un paio di ore, la mareggiata può abortire o peggiorare drasticamente; ma non sono certamente da sottovalutare, rappresentando molto spesso, due ore intense di emozioni e generose in termini di cattura.
Diverso approccio invece, si ha nei confronti della scaduta, ovvero il momento in cui, finita la perturbazione, il mare continua a scaricare l’energia accumulata fino allo sfinimento.
Può durare giorni oppure soltanto poche ore; tutto è legato all’intensità della perturbazione e all’’energia della spiaggia.
Rimane sempre - soprattutto se si ha la fortuna di trovarsi al suo inizio – un momento magico, poiché, pur mancando il vento, l’onda continua a muoversi, dando spazio alle correnti e continuando a mantenere in sospensione quel sedimento organico tanto importante per la pasturazione.

Conclusioni.
Quanto sin qui esposto, tratteggia le linee essenziale di ciò che potremmo definire le una mareggiata positiva.
È dato di fatto, però, che non tutte le perturbazioni provenienti dai quadranti principali hanno le stesse ripercussioni sul mare.
Alcune sono foriere di alghe, altre creano una combinazione di correnti che chiudono il fondale piuttosto che aprirlo; altre ancora, nel loro perdurare, depositano a riva tutta la materia accumulata dall’onda, creando uno sbancamento che azzera ogni profondità.
Capire e saper scegliere la giusta strada, non può essere materia da trattare qui.
È la nostra esperienza a darci un corretto metro valutativo circa le potenzialità di ciò che a cui stiamo assistendo.
E l’esperienza nasce, e non ci stancheremo mai di ribadirlo, dall’osservazione dei fenomeni, dalla convinzione che, se a tutto c’è un perché, l’imperativo è riuscirlo a trovare, ma soprattutto dalla consapevolezza che non è l’estremo che dobbiamo cercare ma ciò che realmente è capace di esaudire un sogno.

Emanuele Velardita



|
 
NEWS DI OTTOBRE




La Corvina

Album fotografico anno 2017
EBAY


DISCUSSIONI RECENTI


ANSA NEWS


MAPPA DEL SITO


Home | Il Sarago nel Surf Casting | La Tenuta al Moto Ondoso | Long Arm clippato by GCB | Pocket Beach | Tempesta Perfetta | I magnifici 5 | Coaster in Nylon occhio al taglio | Scelta della postazione | I piombi nel Surfcasting | Il Fluocarbon nel Surfcasting | Primi approcci - configurazione rotante | Sfielttatore e Filo Elastico | Night and Day | I travi da pesca | Lo Shock Leader | Scelta Attrezzatura - Citazioni 1º | Condimeteo 3 | Condimeteo 2 | Condimeteo 1 | La Mareggiata | Obbiettivo Spigola! | Pelagici da riva... | Orate nel tirreno | Questioni di piombo | Maver Elite 190 | Daiwa 6 HM | Italcanna Fireball S1 | Penn 525 xtra Mag | Century Tornado Match and Sport | Century Tornado lite | Penn serie 525 | Ami, disaminiamo... | TRIO Compact BadBass Technology | SHIMANO BIOMASTER GTX 8000 | Zaino da pesca Fisherbagstore | Manutenzione dei mulinelli | Costruiamo un lead lift | Barretta conversione 6hm | Realiz. stampi cono-piramide 2º | Il Porta finali | Realiz. stampi cono-piramide 1º | Fonderia Cataudo | Modifica zaino FisherbagStore | Lo Sparviero, snodo multifunzionale | Bait Clip | Terminale per il Serra | Costruiamo il Bait Clip | Risparmiamo sui floater! | Stopper alternativo | Recuperiamo i floater | Prolunga del paletto | Costruzione del paletto | Cuscinetti | Oli e Lubrificazione | Costruzione di una palla da lancio | La meccanica dei freni magnetici | Daiwa Millionaire Tournament 7HT | Conversione AMBASSADEUR da cl a ct | Il sistema mag dei rotanti | Analisi rotture canne durante il lancio | Cenni storici, tributo a Lievanais | Guida all uso del rotante | Gli ami  | Daiwa Sealine 30 H | Teleferica: innesco del vivo | Gronghi and co. | La teleferica | Sostituzione boccole per il fisso | Piombo a perdere | 2 Ami per il vivo | Il Galleggiante ascensore | La Cassetta da Pesca | Il Mulinello a Bobina Fissa | Surf fishing e Beachledgering | Mormore, mormore, mormore... | Innescare il pastone | Il pastone | Cefalara Messinese | Come modificare una canna  | Rod Dryer fai da te | Composizione di uno starlight | Pasturatori Pesanti | Segnalatore d abboccata | Divergente per piombo scorrevole | Costruiamo un Tripode... | Stendi finali | Eging | Spinner Bait | Ritorno al Passato | GOMMA E SEABASS | Tabelle di Conversione | Lo Spinning | Freddo da Calamari | Alice s minnow 175 di Bluspin | Max Rap | Minnow Hart | Minnow  | Minnow Youzuri | Minnonw Sakai Lures | Wood n sunfish | Cranky-m | Wood n slither | V-Crank | Midive minnow | Live popper | Wood n minnow | Moran pencil | Dumbbell popper | V-Joint | Bubble popper | Artificiali: Top water and Minnow | Testa piombata con paletta per esche siliconiche | Anelli faidate | Imbobinatore fai da te | Autocostr. manico anna da spinning 2º | Spinner bait parte 2° | Spinner bait parte 1° | Come legare un anello | Jig da mare parte 2° | Jig da mare parte 1° | Anellatura Artificiali | Autocostr. manico canna da spinning | Alternativa legatura piume | A prova di martello | Rattlins fai da te | Filosa per alaccia (lana) | Filosa per alaccia (silicone) | Il salva esche artificiali | Pesca all’aguglia con la bombarda | Misurare il Fondale | Galleggiante e pasturatore 2°Parte | Galleggiante e pasturatore | Reggicanna da banchina | Appendici reggicanna | La Pastura | Pescare all Inglese | La Tecnica della Bolognese | La bombarda | Taratura dei gallegianti | Galleggianti da Inglese | Galleggianti da Bolognese | Il Cavalletto | Piombatura a scalare per lenza a mano | Gli ami per la traina | La canna da Traina | Traina e Battere il Calamaro | L alaccia reperimento e innesco | La Piombatura Frazionata  | L aguglia reperimento e innesco  | Il mulinello da traina | Traina alla Leccia Amia | Traina al Dentice | Equilibrare un artificiale | Artificiali da traina | Piombi per la traina | Come agganciare il piombo guardiano | Traina con piombo guardiano | Traina alle aguglie | Traina di profonditá con il Monel | Traina di Profondità, Affondatore o Downrigger | Everol T-SHOT 20 | SGANCIO RAPIDO QUICK RELEASE | SGANCIO RAPIDO | Sgancio Rapido Per il Piombo Guardiano | Il Piombo a sgancio rapido faidate | Costruzione terminale per il vivo 2º | Costruzione terminale per il vivo 1º | La vasca per il vivo | Traina da terra: Il barchino | Palamito a vela var. trapanese | Pesca con la Caloma 2º | Pesca con la Caloma 1º | Pesca al Pagro nello Stretto di Messina | A Saraghi col palamito | Il vertical jigging | Il Fasolare | Lo Sgombro | Cannolicchio | Oloturia e sua preparazione | Sugarello | Bibi (Spinculus nudus) | Bigattino | Travi | Esplosi | Nodi | La Corvina | La Cernia | Il Cefalo | La Boga | Alletterato | Aguglia | Alalunga | La Lampuga | La biologa risponde | Risposta per mimmop67 | Capo Peloro (ME) | Marina di Melilli | Spinesante (ME) | Santa Croce Camerina (RG) | Penisola Magnisi | Caponegro | Ognina di Siracusa | Catania: dalla Playa al porto di Ognina | Reports | Uno,due,tre...Serra! | Estate da sogno | A traina in cerca di emozioni | Aiolata | Il saragone | Quattro siculi in trasferta | Rotolando verso sud... | Il mio solito sauro... | Scaduta bellissima | Sabato di spettacolo! | A Spinning con Rocco | A pesca con Rocco! | Un amore di Cappotto | Blitz a Mortelle (ME) | Pescata a Lipari | Storia di un amore (Love fishing) | Sciroccata amara | Patti, fastidioso vento laterale! | Un tranquillo week-end di pesca | Events | Evento del 26/05/2006 | Evento del 30/09/2006 | Evento del 20/01/2007 | Evento del 19/05/2007 | Evento del 23/08/2007 | Evento del 14/10/2007 | Evento del 27/10/2007 | Evento del 17/05/2008 | Evento del 25/10/2008 | Evento del 28/03/2009 | Evento del 22/11/2009 | Evento del 03/07/2010 | Evento del 17/10/2010 | Evento del 08/05/2011 | Evento del 20/10/2013 | Evento del 09/02/2014 | Evento del 04/04/2015 | Evento del 04/05/2015 | Evento del 04/06/2015 | Evento del 04/07/2015 | Album fotografico anno 2005 | Album fotografico anno 2006 | Album fotografico anno 2007 | Album fotografico anno 2008 | Album fotografico anno 2009 | Album fotografico anno 2010 | Album fotografico anno 2011 | Album fotografico anno 2012 | Album fotografico anno 2013 | Album fotografico anno 2014 | Album fotografico anno 2015 | Album fotografico anno 2016 | Album fotografico anno 2017 | Paesaggi | Meteo | Downloads | Video | Links | Chat | Forum | Facebook | Contatti | Copyright
Booking.com
Pescare in Sicilia per i tuoi soggiorni consiglia: PrenotareinSicilia | PrenotareinItalia | PrenotareinEuropa
Pescare in Sicilia
All rights reserved
2006-2016
Risoluzione minima consigliata
1280x800

FORUM



Litorale di San Saba - Messina
LINK SUGGERITI


UMITMG



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
Siamo Online
da 4221 giorni, 17 ore e 36 minuti
Agrigento Caltanissetta Catania
Enna Messina Palermo
Ragusa Siracusa Trapani

Cefalu Taormina Isole Eolie
GOOGLE



Web pescareinsicilia.it

ROBERTO GARUFI



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
CONTATTACI


Nome

Email

Testo


MARIO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it

www.itineraridipesca.it

TOPSITE PESCA DEPORTIVA


Ultimo aggiornamento
2/05/17 10:00

Google+