ARTICOLI
 
Giugno 2009
Scelta della postazione
Emanuele Velardita





Attrezzature da migliaia di euro, tecniche di lancio perfette e lunghissime distanze, le migliori esche, non possono nulla se la scelta principale si rivela sbagliata.
Stiamo parlando dello spot, della spiaggia che per quell’occasione ci vedrà protagonisti, vincitori o sconfitti, a seconda che la scelta si riveli azzeccata oppure no.
Morfologia del litorale.
Parlando di spiagge piccole, il discorso è molto semplice poiché con due, massimo tre attrezzi, si riesce spesso a coprire tutto il tratto di costa antistante, variando poi le distanze sui punti che riteniamo più favorevoli.
Il discorso cambia radicalmente se ci troviamo alle prese con una spiaggia lunga.
La lunghezza del litorale, sicuramente amplia le possibilità di cattura ma, esponenzialmente, aumenta anche il rischio di scegliere una postazione sbagliata.
Bisogna, dunque, saper individuare i punti interessanti e distinguerli da quelli sterili.
Alto e basso fondale.
Sappiamo benissimo che l’onda per assumere la forma che tutti conosciamo, ha bisogno di infrangersi contro un ostacolo che ne rallenta la corsa, facendola rivoltare.
Se osserviamo una mareggiata notiamo che, il susseguirsi dell’infrangersi delle onde, non è simmetrico, ma mutevole.
In pratica, l’onda, che giunge intera, infrangendosi si spezza in due o più segmenti.
La verità è che si dovrebbe entrare nell’ordine delle idee che il fondale antistante, che si sviluppa dal bagnasciuga e si allontana verso l’orizzonte, non è un’immensa distesa di sabbia uniformemente in declivio, ma è un vero e proprio labirinto di piazzole e tratti più o meno scavati.
Stiamo parlando di secche, punte, canali e buche, intendendo con tali termini, le zone di alta e di bassa profondità, che disegnano il fondale.
Sono queste zone che, quindi, in base alle condizioni del mare – influenzate in generale dal clima e nello specifico dal vento – ci indicano con una certa approssimazione le possibilità di pascolo delle specie da predare.
Il problema nasce su come individuarle e, dunque, sfruttarle al meglio.
Insenature, punte e tratti rettilinei.
Se l’osservazione del fenomeno onda ci indica la zona ma soprattutto le distanze cui si trovano le zone maggiormente interessanti, è un’attenta analisi del bagnasciuga che ci permette di tracciare una mappa abbastanza chiara del della situazione, indicandoci l’esatto punto dove allestire la postazione.
L’osservazione del disegno della spiaggia, infatti, ci permette di individuare i punti di maggior profondità antistanti e, soprattutto circoscriverli, distinguendoli dagli altri meno profondi.
A ben vedere infatti, il disegno non è mai uniforme, ma frastagliato e da subito possiamo distinguere delle rientranze, delle strette lingue di sabbia che si innestano verso il largo e dei tratti rettilinei più o meno estesi.
Come interpretare tali elementi?
Cerchiamo di dare una linea di massima.
Il tratto rettilineo, ci indica che ci troviamo di fronte uno bancone di sabbia.
Il fondale è molto basso, pieno di schiuma.
lontano da noi, inizia a degradare verso il fondo nel punto in cui finisce la schiuma e si intravede il mare aperto.
La sua superficie è decisamente estesa ed il punto di frangenza tanto lontano da esser veramente difficile superarlo.
Diverse sono le insenature.
Queste ci indicano la presenza di un canale, più o meno profondo, scavato dalla mareggiata.
L’impressione è che il canale cammini parallelamente alla battigia e, in alcuni casi – come nel caso delle spiagge medio/piccole, spesso caratterizzate da un’unica insenatura – effettivamente è così.
Solitamente invece, la realtà è che, per quanto esteso il canale possa essere in lunghezza, il suo sviluppo avviene sempre in maniera perpendicolare rispetto al bagnasciuga.
Elementi importanti da valutare, in questo caso, sono la profondità dell’insenatura e la sua ampiezza, che ci indicheranno larghezza e profondità del canale antistante.
Di norma, alla luce della maggior profondità generale, è il tratto di spiaggia maggiormente interessante e, piazzarsi al centro dell’insenatura di fronte ad una frangenza dalla distanza accettabile e raggiungibile, può rappresentare una scelta intelligente ed oculata, se non addirittura, obbligata.
Ma, a ben pensare, potrebbe rivelarsi una buona strategia porsi alla fine del canale, lanciando le nostre insidie dove è presumibile che, la corrente, abbia trascinato e accumulato gli elementi organici che rappresentano la naturale pasturazione indispensabile per la cattura.
È a questo punto che bisogna parlare della punta, ovvero sia quel tratto che ci indica il confine tra un canale e l’altro (che sia l’inizio o la fine lo decideremo in base alla corrente) oppure, tra un canale e un banco di sabbia, e che si identifica come una stretta lingua di sabbia che si innesta in mare.
Affrontarla piazzandocisi sopra - pur rappresentando una possibilità interessante quando, decorsi molti giorni da una mareggiata, il fondale si è solidificato e l’acqua è ferma - non è semplice.
Di norma, dunque, bisogna intenderla per quello che è, ovvero la delimitazione di un confine, conoscendo il quale possiamo decidere dove pescare e quale strategia attuare.
Deposito detritico e gradoni
Ad aiutarci nel raffinare la scelta, giungono altri indizi, certamente interessanti.
Parliamo soprattutto dei depositi detritici e dei gradoni, che si possono apprezzare lungo l’arenile e sul bagnasciuga.
I primi, ovvio risultato della combinazione di mareggiata di forte entità e alta marea, sono rappresentati per lo più dai cumuli di alghe che possono assumere sembianze differenti, ognuna delle quali indica una morfologia del fondale ben precisa.
Spesso sono cumuli lunghi quanto il canale, ammassi piatti di volume spesso notevole, altre volte, invece si presentano a chiazze simili a piccole montagne molto concentrate che si trovano, spesso, ai lati di un’insenatura.
Le prime sono l’indizio della presenza del primo canale, e il loro volume ci da qualche indizio circa la sua profondità; le seconde invece, indicano la presenza di una buca all’interno del canale (situazione tipica soprattutto delle spiagge a bassissima energia).
Quest’ultima, altro non è che un avvallamento molto profondo, dal perimetro circoscritto, , individuabile anche da una massa schiuma che lo circoscrive, creato dal vortice che, in alcuni casi, si crea dall’unione delle correnti primaria e secondaria.
È un punto che può rivelarsi molto interessante per la pesca e molto pericoloso per i bagnanti (per via dei tristemente noti mulinelli), poiché al suo interno le correnti rimangono bloccate e scorrono in circolo, creando vortice che scava quel determinato punto facendo affiorare il sedimento organico.
Riguardo al gradone di risacca, si rivela molto interessante perché ci indica la profondità del primo canale, quello immediatamente successivo al bagnasciuga.
Nonostante si tratti di un elemento di interesse generale, a mio avviso, la sua valutazione risulta di una certa importanza nell’analisi delle spiagge ad energia medio/alta.
Il motivo è molto semplice.
Formandosi dal deposito di sabbia rilasciata dall’onda di risacca, un gradone appena accennato in una spiaggia a bassa energia non può far presagire una profondità interessante, ma un solco appena accennato e di normale routine.
Diversamente accade nelle spiagge di media profondità e soprattutto in quelle molto profonde, in cui un gradone di un certo rilievo tradisce certamente una certa profondità iniziale e, quindi, potenzialmente proficuo e decisamente da tentare.
Emanuele Velardita.



|
 
NEWS DI OTTOBRE




La Corvina

Album fotografico anno 2017
EBAY


DISCUSSIONI RECENTI


ANSA NEWS


MAPPA DEL SITO


Home | Il Sarago nel Surf Casting | La Tenuta al Moto Ondoso | Long Arm clippato by GCB | Pocket Beach | Tempesta Perfetta | I magnifici 5 | Coaster in Nylon occhio al taglio | Scelta della postazione | I piombi nel Surfcasting | Il Fluocarbon nel Surfcasting | Primi approcci - configurazione rotante | Sfielttatore e Filo Elastico | Night and Day | I travi da pesca | Lo Shock Leader | Scelta Attrezzatura - Citazioni 1º | Condimeteo 3 | Condimeteo 2 | Condimeteo 1 | La Mareggiata | Obbiettivo Spigola! | Pelagici da riva... | Orate nel tirreno | Questioni di piombo | Maver Elite 190 | Daiwa 6 HM | Italcanna Fireball S1 | Penn 525 xtra Mag | Century Tornado Match and Sport | Century Tornado lite | Penn serie 525 | Ami, disaminiamo... | TRIO Compact BadBass Technology | SHIMANO BIOMASTER GTX 8000 | Zaino da pesca Fisherbagstore | Manutenzione dei mulinelli | Costruiamo un lead lift | Barretta conversione 6hm | Realiz. stampi cono-piramide 2º | Il Porta finali | Realiz. stampi cono-piramide 1º | Fonderia Cataudo | Modifica zaino FisherbagStore | Lo Sparviero, snodo multifunzionale | Bait Clip | Terminale per il Serra | Costruiamo il Bait Clip | Risparmiamo sui floater! | Stopper alternativo | Recuperiamo i floater | Prolunga del paletto | Costruzione del paletto | Cuscinetti | Oli e Lubrificazione | Costruzione di una palla da lancio | La meccanica dei freni magnetici | Daiwa Millionaire Tournament 7HT | Conversione AMBASSADEUR da cl a ct | Il sistema mag dei rotanti | Analisi rotture canne durante il lancio | Cenni storici, tributo a Lievanais | Guida all uso del rotante | Gli ami  | Daiwa Sealine 30 H | Teleferica: innesco del vivo | Gronghi and co. | La teleferica | Sostituzione boccole per il fisso | Piombo a perdere | 2 Ami per il vivo | Il Galleggiante ascensore | La Cassetta da Pesca | Il Mulinello a Bobina Fissa | Surf fishing e Beachledgering | Mormore, mormore, mormore... | Innescare il pastone | Il pastone | Cefalara Messinese | Come modificare una canna  | Rod Dryer fai da te | Composizione di uno starlight | Pasturatori Pesanti | Segnalatore d abboccata | Divergente per piombo scorrevole | Costruiamo un Tripode... | Stendi finali | Eging | Spinner Bait | Ritorno al Passato | GOMMA E SEABASS | Tabelle di Conversione | Lo Spinning | Freddo da Calamari | Alice s minnow 175 di Bluspin | Max Rap | Minnow Hart | Minnow  | Minnow Youzuri | Minnonw Sakai Lures | Wood n sunfish | Cranky-m | Wood n slither | V-Crank | Midive minnow | Live popper | Wood n minnow | Moran pencil | Dumbbell popper | V-Joint | Bubble popper | Artificiali: Top water and Minnow | Testa piombata con paletta per esche siliconiche | Anelli faidate | Imbobinatore fai da te | Autocostr. manico anna da spinning 2º | Spinner bait parte 2° | Spinner bait parte 1° | Come legare un anello | Jig da mare parte 2° | Jig da mare parte 1° | Anellatura Artificiali | Autocostr. manico canna da spinning | Alternativa legatura piume | A prova di martello | Rattlins fai da te | Filosa per alaccia (lana) | Filosa per alaccia (silicone) | Il salva esche artificiali | Pesca all’aguglia con la bombarda | Misurare il Fondale | Galleggiante e pasturatore 2°Parte | Galleggiante e pasturatore | Reggicanna da banchina | Appendici reggicanna | La Pastura | Pescare all Inglese | La Tecnica della Bolognese | La bombarda | Taratura dei gallegianti | Galleggianti da Inglese | Galleggianti da Bolognese | Il Cavalletto | Piombatura a scalare per lenza a mano | Gli ami per la traina | La canna da Traina | Traina e Battere il Calamaro | L alaccia reperimento e innesco | La Piombatura Frazionata  | L aguglia reperimento e innesco  | Il mulinello da traina | Traina alla Leccia Amia | Traina al Dentice | Equilibrare un artificiale | Artificiali da traina | Piombi per la traina | Come agganciare il piombo guardiano | Traina con piombo guardiano | Traina alle aguglie | Traina di profonditá con il Monel | Traina di Profondità, Affondatore o Downrigger | Everol T-SHOT 20 | SGANCIO RAPIDO QUICK RELEASE | SGANCIO RAPIDO | Sgancio Rapido Per il Piombo Guardiano | Il Piombo a sgancio rapido faidate | Costruzione terminale per il vivo 2º | Costruzione terminale per il vivo 1º | La vasca per il vivo | Traina da terra: Il barchino | Palamito a vela var. trapanese | Pesca con la Caloma 2º | Pesca con la Caloma 1º | Pesca al Pagro nello Stretto di Messina | A Saraghi col palamito | Il vertical jigging | Il Fasolare | Lo Sgombro | Cannolicchio | Oloturia e sua preparazione | Sugarello | Bibi (Spinculus nudus) | Bigattino | Travi | Esplosi | Nodi | La Corvina | La Cernia | Il Cefalo | La Boga | Alletterato | Aguglia | Alalunga | La Lampuga | La biologa risponde | Risposta per mimmop67 | Capo Peloro (ME) | Marina di Melilli | Spinesante (ME) | Santa Croce Camerina (RG) | Penisola Magnisi | Caponegro | Ognina di Siracusa | Catania: dalla Playa al porto di Ognina | Reports | Uno,due,tre...Serra! | Estate da sogno | A traina in cerca di emozioni | Aiolata | Il saragone | Quattro siculi in trasferta | Rotolando verso sud... | Il mio solito sauro... | Scaduta bellissima | Sabato di spettacolo! | A Spinning con Rocco | A pesca con Rocco! | Un amore di Cappotto | Blitz a Mortelle (ME) | Pescata a Lipari | Storia di un amore (Love fishing) | Sciroccata amara | Patti, fastidioso vento laterale! | Un tranquillo week-end di pesca | Events | Evento del 26/05/2006 | Evento del 30/09/2006 | Evento del 20/01/2007 | Evento del 19/05/2007 | Evento del 23/08/2007 | Evento del 14/10/2007 | Evento del 27/10/2007 | Evento del 17/05/2008 | Evento del 25/10/2008 | Evento del 28/03/2009 | Evento del 22/11/2009 | Evento del 03/07/2010 | Evento del 17/10/2010 | Evento del 08/05/2011 | Evento del 20/10/2013 | Evento del 09/02/2014 | Evento del 04/04/2015 | Evento del 04/05/2015 | Evento del 04/06/2015 | Evento del 04/07/2015 | Album fotografico anno 2005 | Album fotografico anno 2006 | Album fotografico anno 2007 | Album fotografico anno 2008 | Album fotografico anno 2009 | Album fotografico anno 2010 | Album fotografico anno 2011 | Album fotografico anno 2012 | Album fotografico anno 2013 | Album fotografico anno 2014 | Album fotografico anno 2015 | Album fotografico anno 2016 | Album fotografico anno 2017 | Paesaggi | Meteo | Downloads | Video | Links | Chat | Forum | Facebook | Contatti | Copyright
Booking.com
Pescare in Sicilia per i tuoi soggiorni consiglia: PrenotareinSicilia | PrenotareinItalia | PrenotareinEuropa
Pescare in Sicilia
All rights reserved
2006-2016
Risoluzione minima consigliata
1280x800

FORUM



Litorale di San Saba - Messina
LINK SUGGERITI


EMANUELE & RAFFAELE



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
Siamo Online
da 4221 giorni, 12 ore e 12 minuti
Agrigento Caltanissetta Catania
Enna Messina Palermo
Ragusa Siracusa Trapani

Cefalu Taormina Isole Eolie
GOOGLE



Web pescareinsicilia.it

DAVIDE



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it
CONTATTACI


Nome

Email

Testo


MELO



Inviaci le foto delle tue catture lisi@pescareinsicilia.it

www.itineraridipesca.it

TOPSITE PESCA DEPORTIVA


Ultimo aggiornamento
2/05/17 10:00

Google+